Ascaridiasi: che cos’è e come si trasmette




L' ascaridiasi è un' infezione da ascaridi
Ascaris lumbricoides

Definizione

L’ ascaridiasi è un’ infezione da ascaridi caratterizzata da segni polmonari (migrazione di larve e da disturbi gastrointestinali). La trasmissione avviene per via fecale-orale attraverso l’assunzione di acqua e alimenti contaminati da uova mature. L’ infestazione da ascaridi è diffusa in tutto il mondo, soprattutto nelle regioni a clima caldo-temperato. L’agente eziologico è l’Ascaris lumbricoides, un nematode a sessi separati di dimensioni notevoli. Il verme femmina può essere lungo fino a 30 cm con un diametro di 5 mm. Il maschio ha dimensioni più ridotte.




Eziologia

L’agente patogeno è un nematode, Ascaris lumbricoides. Una volta ingerite, le uova raggiungono l’intestino tenue dove si schiudono lasciando uscire la forma larvale (L3) che, dopo aver perforato la parete intestinale, raggiunge per via ematica il cuore destro e poi i polmoni. Nei capillari degli alveoli le larve si accrescono, infrangono i capillari e cadono negli alveoli polmonari. Risalgono quindi le vie respiratorie fino al retrobocca e, deglutite tornano definitivamente nell’intestino dove diventano adulti. Ogni femmina produce quotidianamente oltre 100.000 uova che vengono eliminate con le feci. Nell’ambiente le uova non sono subito infettanti, ma hanno bisogno di un periodo di maturazione della durata di circa 3-4 settimane​.

Epidemiologia

L‘ascaridiasi  frequente nel bambino, è estesa nel mondo intero, poiché le uova resistono alle variazioni di temperatura e alla essiccazione. E’ però più frequente nei climi caldi e umidi dove l’igiene è  insufficiente e la diffusione può arrivare al 50%.




Quali soni i sintomi dell’ascaridiasi?

Durante la migrazione attraverso i polmoni, si possono osservare sintomi broncopolmonari più o meno marcati. Se numerose larve attraversano insieme i polmoni si può osservare la  sindrome di Löffler con :

  • Febbre
  • Tosse
  • Espettorazione mucosa
  • Eosinofilia
  • Opacità radiografiche fugaci

Più frequentemente l’infestazione provoca:

  • Anoressia
  • Dolori addominali
  • Diarrea
  • Prurito anale notturno particolarmente doloroso
  • Possibilità di volvolo e occlusione intestinale da una massa di ascaridi
  • Raramente penetrazione dell’ascaride  nelle vie biliari (ittero, ascesso del fegato), nel canale di Wirsung (pancreatite), nell’ appendice (appendicite) nella cavità peritoneale (peritonite).

Manifestazioni allergiche:

  • Febbre
  • Eruzioni cutanee
  • Orticaria

Migrazioni eccezionali:

  • Invasioni delle meningi
  • Della tiroide
  • Della milza
  • Della trachea (soffocamento)
  • Dell’utero e delle tube

Come si fa la diagnosi dell’ascaridiasi?

Ricerca delle uova. Sono ellittiche e misurano da 30 -40 a 50-60 micron; possiedono a volte una capsula esterna densa e una capsula interna trasparente. Un buon metodo per ricercarle consiste nel mettere un pezzo di nastro adesivo trasparente sulla regione anale ed esaminarlo direttamente al microscopio su un vetrino. Si possono anche ricercare le uova nelle feci. Durante la migrazione polmonare, si possono trovare le uova nell ‘espettorato. Eosinifilia ematica: frequente durante la migrazione dell’ascaride.




Terapia

Tali parassiti si combattono principalmente tramite una cura antibiotica ma, quando quest’ultima non sortisce gli effetti sperati, l’individuo colpito potrebbe essere costretto a sottoporsi ad un intervento chirurgico. Tra i farmaci raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità per il trattamento dell’ascaradiasi rientrano: albendazolo, mebendazolo, levamisolo e Pirantel Pamoato.

 

Ti potrebbero interessare:




(Visited 138 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 71
    Definizione La rosolia è una malattia infettiva virale, caratterizzata da tumefazioni linfoghiandolari retronucali ed esantema maculopapuloso. La rosolia è una malattia pericolosa in gravidanza, il virus riesce ad attraversare la placenta e può così trasmettersi all'embrione o al feto. La rosolia è provocata dal virus a RNA a singola elica…
    Tags: è, si, nel, per, più, i, salute, malattie, infettive
  • 69
    Blastomicosi: che cos'è, come si contraeChe cos'è la blastomicosi? La blastomicosi è una patologia rara, causata da un fungo dimorfo ubiquitario, Blastomyces dermatitidis, diffuso principalmente nel Nord America, centro America e Sud America, endemico negli Stati Uniti centro-occidentali e Sud-orientali (valli fluviali di Mississipi e Ohio). L'habitat naturale è costituito dal terreno, specialmente se è…
    Tags: è, i, più, si, come, per, salute, malattie, infettive
  • 68
    Che cos’è la toxoplasmosi? La toxoplasmosi è una malattia infettiva,  causata da un protozoo intracellulare, spesso asintomatica, ma che può manifestarsi nell’adulto con localizzazioni diverse e nel neonato con una lesione nervosa grave. L’agente patogeno è un protozoo, Toxoplasma gondii, che misura circa 5 micron a forma di mezzaluna, a…
    Tags: è, l, si, per, può, i, più, salute, malattie, infettive
  • 68
    Definizione L'echinococcosi è una parassitosi causata dalla forma larvale idatide di Echinococcus granulosus (agente eziologico della sindrome nota come idatidosi cistica) e di Echinococcus multilocularis (agente eziologico dell' idatidosi alveolare).   Eziologia Echinococcus  granulosus: il cane, il lupo e talvolta lo sciacallo sono gli ospiti definitivi del parassita (i vermi…
    Tags: si, per, è, i, uova, nel, delle, nelle, come, salute
  • 68
    Cos'è la varicella? La varicella è una malattia infettiva virale a elevata contagiosità, caratterizzata da eruzione vescicolosa, in genere benigna. La varicella si manifesta con esantema, febbre di modesta entità, faringodinia, tosse secca, cefalea e astemia. L'esantema inizia al volto e al cuoio capelluto e si estende rapidamente a tronco,…
    Tags: è, si, può, delle, nel, per, salute, malattie, infettive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications    OK No thanks