Calo di memoria







A chi non è capitato di non ricordarsi del nome di un amico che non incontra da anni, di quello che ha mangiato il giorno prima, della canzone preferita?
Tutta colpa dei cali di memoria che possono comparire anche in giovane età.




Quali sono le principali cause del calo di memoria



Le cause più frequenti possono essere legate allo stress, a una depressione del tono dell’umore oppure il calo di memoria può essere un campanello d’ allarme di malattie vascolari, infettive, infiammatorie, dell’aterosclerosi cronica .


Il calo di memoria si può verificare anche se si usano sostanze tossiche o stimolanti, oppure per abuso di alcolici, che a lungo andare possono determinare alterazioni dei meccanismi della memoria.





Vi sono persone più predisposte?



Tutti possono avere in alcuni periodi cali di memoria, un periodo di studio intenso in vista di un esame, oppure uno scarso interesse per le cose che accadono attorno a loro, perché la riduzione dell’interesse e dell’attenzione porta ad conseguente riduzione della memoria.
Questo accade anche quando si è stanchi e si dorme poco.




Dormire in questi casi è importante…






Il riposo è importantissimo perché il cervello ha la necessità di recuperare i processi della memoria attraverso il sonno, soprattutto nella fase Rem (Rapid Eyes


La memoria si può migliorare

(function() { var lwl = document.createElement('script'); lwl.type = 'text/javascript'; lwl.async = true; lwl.src = '//sd.linkwelove.com/widget/js/lwl.js'; var lwls = document.getElementsByTagName('script')[0]; lwls.parentNode.insertBefore(lwl, lwls); })();



La memoria è come un muscolo che bisogna tenerla in continuo esercizio, si comincia fin da bambini, bisogna aiutare i bambini a potenziare la loro memoria ( una volta si imparavano le poesia a memoria) con dei semplici esercizi, anche coloro che naturalmente hanno il dono della memoria necessitano di costanti stimoli per raggiungere il massimo delle prestazioni.

Nell’età adulta si può allenare la memoria con degli esercizi , il cruciverba, i giochi al computer, i giochi di carte come il brigde e certamente la lettura.


Alimentazione e memoria


Sicuramente mangiare in modo sano svolge un ruolo positivo sulle funzioni cerebrali,  si dovrebbe optare per un’alimentazione con alti livelli di antiossidanti e bassi livelli di grassi saturi. Consigliato l’uso di: olio di oliva, pesce, broccoli, cavolfiore, spinaci, noci, frutti di bosco, agrumi sono tutti alimenti che facilitano le funzioni 

cerebrali e quindi l’apprendimento e la memoria.






La memoria si modifica con l’età


La memoria si modifica con l’età insieme alle altre modificazioni che il corpo subisce con il passare degli anni. Con il tempo le capacità di ricordare si riducono soprattutto per quanto riguarda i ricordi recenti, mentre rimangono invariati i ricordi a lungo termine.











Quando rivolgersi al medico






Quando in periodi di non particolare stanchezza o di stress si ripetono episodi di calo di memoria.
Per esempio non si ricordano le date importanti, il numero di telefono di un familiare..
In questi casi rivolgersi al medico affinché possano essere effettuati tutti gli accertamenti necessari e valutare al gravità o meno del caso.


Come preservare una buona memoria

 Bisogna esercitare la memoria sin da bambini, vivere quotidianamente provando entusiasmo e curiosità; sforzarsi di pensare positivamente e di ridimensionare i problemi, assumere una filosofia di vita positiva, un cervello attivo e non sovraccarico 
aiuta a stare meglio e a conservare una buona memoria.






Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications    Ok No thanks