Lesioni da elettricità

Cosa sono le lesioni da elettricità? Le lesioni da elettricità sono un evento molto comune, dovuto in gran parte a incidenti domestici (lesioni dal basso voltaggio) e a infortuni sul lavoro (lesioni da alto voltaggio). Sono causate dal contatto accidentale con un conduttore a alta tensione (folgorazione). Altre evento meno frequente è la scarica d’ … Leggi tutto

Sindrome da affaticamento cronico

Che cos’è la sindrome da affaticamento cronico? La sindrome da affaticamento cronico è un’affezione caratterizzata da senso di fatica debilitante e da una varietà di disturbi associati. Poiché nella sua forma tipica compare improvvisamente in un soggetto precedentemente attivo, può indurre il paziente a ricercare cure urgenti in PS. Colpisce maggiormente il sesso femminile e … Leggi tutto

Sindrome da astinenza alcolica

Che cos’è la sindrome da astinenza alcolica? La sindrome da astinenza alcolica è il primo segnale di una condizione di dipendenza dall’alcol. L’astinenza da alcol è legata al grado di dipendenza, e i sintomi possono essere più o meno lievi oppure molto gravi.     L’astinenza da alcol si manifesta con i seguenti quadri: Sindrome da … Leggi tutto

Diazepam  (tranquillante, anticonvulsivante)

Che cos’è il diazepam? Il diazepam  è un derivato dalla benzodiazepina impiegato come tranquillante e miorilassante ad azione  centrale e per via parentale come anticonvulsivante. Indicazioni Per via orale: stati di ansia, angoscia, tensione muscolare. Per via endovenosa: stato di male epilettico, anestesia, preparazione all’endoscopia, delirium tremens.     Diazepam: precauzioni Per via orale: rischio … Leggi tutto

Stomatite







 

 

La stomatite è un'infiammazione acuta o cronica della cavità orale. La stomatite è caratterizzata dalla comparsa di formazioni ulcerose e benigne e non contagiose La stomatite aftosa è la malattia più comune della mucosa orale.

Che cos’è la stomatite?

La stomatite è un processo infiammatorio acuto o cronico della mucosa della bocca.

 

Stomatite catarrale o eritematosa

L a stomatite catarrale o eritematosa è causata da una cattiva igiene dentale, alimentare (cibi troppo speziati o troppo caldi). Si riscontra anche in corso di malattie infettive (scarlattina, morbillo, rosolia) e dopo la somministrazione di più farmaci, in particolare di antibiotici a largo spettro. Si manifesta spesso nel lattante in concomitanza con malattie generali acute o come esito di terapie antibiotiche.

 




 

Stomatite aftosa

Si manifesta con la comparsa di un ulcerazione dolorosa superficiale,  giallastra circondata da un piccolo iperemico.  Le afte sono ricoperte da una pseudomembrana giallo-grigia e contornate da un sottile alone rosso Le afte si presentano a livello della mucosa orale e possono localizzarsi sulla lingua, sulle labbra e nelle guance. Le afte sono fastidiose e dolorose, nei casi non gravi tendono a scomparire dopo alcuni giorni.

Cause

La reale causa non è stata ancora scientificamente dimostrata, tuttavia sembra possano essere riconducibili a cause virali, debolezza del sistema immunitario, stress e periodi di particolare stanchezza, lesioni e trauma dovuti all’ingestione di alimenti, interventi odontoiatrici, carenza di ferro e vitamina b12, alimentazione scorretta. Le afte non sono contagiose, né pericolose, tuttavia  possono influenzare negativamente l’alimentazione, la vita sociale d e l’attività lavorativa. Per questo, in molti casi è necessario intervenire con un trattamento specifico che consente di alleviare il dolore e velocizzare i tempi di guarigione.

 

Stomatite (mughetto)

Infiammazione e della mucosa della bocca determinata da” Candida albicans“. Le placche del mughetto appaiono sulla lingua e sulla superficie interna delle guance. Sono precedute da eritema lucente e doloroso. Possono formare isole confluenti biancastre, dalla superficie irregolare, che possono estendersi alla laringe e  all’esofago. Il mughetto si sviluppa soprattutto nei soggetti debilitati, che presentano deficit immunitari. Il mughetto è abbastanza frequente nei bambini e soprattutto nei neonati, in quanto avendo un sistema immunitario ancora non sufficientemente sviluppato, non riescono a contrastarne lo sviluppo.




Stomatite vescicolo-bollosa

Le stomatite vescicolari sono generalmente di origine virale (herpes, varicella, zoster) . Le stomatiti bollose possono associarsi a intolleranza farmacologica  o a dermatiti generalizzate (pemfigo, sindrome di Stevens-Johnson).

 




 

Ti potrebbero interessare:

 

Related Posts

  • 59
    Che cos'è il tremore?   Il tremore è un' oscillazione ritmica e involontaria, che un segmento corporeo descrive intorno alla sua posizione di equilibrio, dovuta a contrazione ripetuta dei muscoli agonisti e antagonisti. I tremori sono presenti solo nello stato di veglia e scompaiono nel sonno.  Può essere differenziato in…
    Tags: è, in, salute, post-format-aside
  • 57
      Che cos’è la penicillamina? La penicillamina è un chelante dei metalli pesanti , soprattutto del rame e del piombo.   Indicazioni Malattia di Wilson Intossicazione da piombo e da mercurio Cistinuria cronica ( per prevenire la litiasi ) Artrite reumatoide Precauzioni Rigoroso controllo ematologico durante le prime tre settimane…
    Tags: è, non, l, possono, salute, post-format-aside
  • 55
    Che cos’è l’ischemia mesenterica?   L’ ischemia mesenterica è una condizione dovuta all’occlusione acuta o alla stenosi progressiva di uno o più rami del tripode celiaco a seguito di embolia in corso di fibrillazione atriale o trombosi su base aterosclerotica o, meno frequentemente di interessamento dei vasi intestinali in corso…
    Tags: è, si, in, l, salute, post-format-aside
  • 53
    Che cos'è l' emorragia subaracnoidea? L'emorragia subaracnoidea (ESA)  è caratterizzata da versamento emorragico fra i due foglietti (pia e aracnoide) della leptomeninge. Anche se costituisce solo il 5% di tutti gli episodi cerebrovascolari acuti è il sottotipo di stroke di maggiore gravità. La mortalità dell' emorragia subaracnoidea è infatti intorno…
    Tags: è, in, non, salute, post-format-aside
  • 52
    Che cos'è la malattia di Wilson? La malattia di Wilson è un disordine del metabolismo caratterizzato da accumulo tissutale di rame a trasmissione autosomica recessiva. E' una malattia familiare ed ereditaria legata ad un disturbo del metabolismo del rame caratterizzato da lesione dei nuclei lenticolari  con rigidità muscolare generalizzata, disartria,…
    Tags: è, in, si, salute, post-format-aside

Anelli di Kayser-Fleische

Cosa sono gli anelli di Kayser-Fleische?   Gli anelli di Kayser-Fleische sono formazioni  giallo-brunastre sul lembo sclero-corneale dovute al deposito di rame. Insorgono alla periferia della cornea, più precisamente a livello della membrana di Descemet. La  loro presenza è un segno diagnostico  della malattia di Wilson. Può essere presente anche in corso di malattie colestatiche … Leggi tutto

Penicillamina 




la penicillamina è un chelante le metalli pesanti, soprattutto del ramo e del piombo.La penicillamina viene utilizzata nella malattia di Wilson. La penicillamina viene utilizzata nelle forme gravi di artrite reumatoide.La penicillamina è derivato dall' idrolisi dell' antibiotico penicillina.

 

Che cos’è la penicillamina?

La penicillamina è un chelante dei metalli pesanti , soprattutto del rame e del piombo.

 

Indicazioni

Malattia di Wilson

Intossicazione da piombo e da mercurio

Cistinuria cronica ( per prevenire la litiasi )

Artrite reumatoide




Precauzioni

Rigoroso controllo ematologico durante le prime tre settimane di trattamento possibilità di trombofilia o di leucopenia. Ricerca di proteinuria una volta alla settimana rischio di nefropatia

Penicillamina: controindicazioni

Gravidanza, emopatie, nefropatia, allergia nota alla penicillina.

Penicillamina: effetti secondari

  • Reazioni allergiche precoci: frequenti nei primi 8-10 giorni di trattamento, in particolare prurito, rush, febbre, eosinofilia, adenopatie; possono essere attenuate con una patologia progressiva e con l’associazione di un corticocosteroide durante i primi giorni di trattamento; non interrompere la somministrazione poiché una sua ripresa può aggravare le reazioni.
  • Reazioni allergiche tardive: tossicodermie, pemfigo, stomatite (sospendere il trattamento immediatamente),
  • Inibizione del midollo osseo: leucopenia, trombopenia, anemia.
  • Proteinuria e diminuzione della filtrazione glomerulare, che possono condurre all’insufficienza renale.
  • Perdita del gusto, anomia, neurite ottica.
  • Polineurite ed altri segni di deficit di piridossina
  • Itterocolostatico (raro)
  • Disturbi immunologici: sindrome di tipo lupus eritemtoso disseminato, sindrome di Goodpasture , s debolezza muscolare di tipo miastenico, anemia  emolitica autoimmune.




Penicillamina: note farmacologiche  

La penicillamina è un prodotto di idrolisi della penicillina che può essere ottenuto anche per sintesi; chelante dei metalli pesanti, forma con questi ultimi complessi solubili che sono eliminati nelle urine; nella cistinuria essa forma con la cistina un complesso solubile. Il dosaggio va adattato secondo la quantità urinaria di cistina che non deve superare i 100 mg/die; la penicillamina è stata proposta nel trattamento dell’artrite reumatoide, ma questa indicazione è controversa e l’uso dovrebbe ogni caso essere limitato alle forme non sensibili agli antinfiammatori meno tossici; la penicillamina risulta teratogeno negli studi di tossicologia sperimentale.

 

Ti potrebbero inetressare:

 

Malattia di Wilson


 

Artrite reumatoide: sintomi, diagnosi, trattamento


 

LES e nefrite lupica


 

Sindrome di Goodpasture


 

RIDAURA

 

 

 

Related Posts

  • 74
    Che cos'è la malattia di Wilson? La malattia di Wilson è un disordine del metabolismo caratterizzato da accumulo tissutale di rame a trasmissione autosomica recessiva. E' una malattia familiare ed ereditaria legata ad un disturbo del metabolismo del rame caratterizzato da lesione dei nuclei lenticolari  con rigidità muscolare generalizzata, disartria,…
    Tags: è, malattia, wilson, per, dei, salute, post-format-aside
  • 57
    Che cos'è il tremore?   Il tremore è un' oscillazione ritmica e involontaria, che un segmento corporeo descrive intorno alla sua posizione di equilibrio, dovuta a contrazione ripetuta dei muscoli agonisti e antagonisti. I tremori sono presenti solo nello stato di veglia e scompaiono nel sonno.  Può essere differenziato in…
    Tags: è, i, salute, post-format-aside
  • 57
    Artrite reumatoide: sintomi, diagnosi, trattamentoChe cos'è l'artrite reumatoide?   L'artrite reumatoide è una malattia cronica sistemica a prevalente interessamento articolare, su base autoimmune ed eziologia ignota, il cui segno caratteristico è rappresentato dalla sinovite persistente di tipo simmetrico, generalmente localizzata alle articolazioni periferiche, in grado di produrre la progressiva distruzione della cartilagine articolare e…
    Tags: è, reumatoide, i, dei, artrite, malattia, salute
  • 57
        Che cos'è la stomatite? La stomatite è un processo infiammatorio acuto o cronico della mucosa della bocca.   Stomatite catarrale o eritematosa L a stomatite catarrale o eritematosa è causata da una cattiva igiene dentale, alimentare (cibi troppo speziati o troppo caldi). Si riscontra anche in corso di…
    Tags: non, possono, è, l, salute, post-format-aside
  • 52
      Definizione di anemia Per anemia si intende una riduzione della quantità totale di emoglobina circolante nel sangue periferico e all'interno degli eritrociti. La quantità totale di emoglobina si misura conoscendo la sua concentrazione nel sangue periferico e il volume totale ematico. La determinazione di quest'ultimo parametro richiederebbe l'impiego di…
    Tags: anemia, è, non, per, salute

Tremore



Il tremore è un' oscillazione ritmica e involontaria. Il tremore può essere differenziato in tremore a riposo, tremore attitudinale e tremore intenzionale o d'azione. Il tremore attitudinale è assente a riposo e compare durante il movimento. Il tremore attitudinale lo troviamo negli Stati ansiosi nelle neuropatie periferiche nella sclerosi multipla


Che cos’è il tremore?

 

Il tremore è un’ oscillazione ritmica e involontaria, che un segmento corporeo descrive intorno alla sua posizione di equilibrio, dovuta a contrazione ripetuta dei muscoli agonisti e antagonisti. I tremori sono presenti solo nello stato di veglia e scompaiono nel sonno.  Può essere differenziato in tremore a riposo, tremore attitudinale e tremore intenzionale o d’azione.

 

Tremore a riposo

Compare quando il segmento (arti) è a riposo e si attenua quando l’arto compie un movimento volontario. E’ distale, interessa gli arti superiori, meno frequentemente quelli inferiori e la mandibola. È tipico della sindrome parkinsoniana.

 

Tremore nel morbo di parkinson

 



 

Tremore attitudinale

E’ assente a riposo e compare quando si mantiene una postura che attiva la muscolatura. Aumenta  durante i movimenti di destrezza (ad es. scrivere). Interessa agli arti superiori, il volto, i muscoli faringo-laringei,  (voce tremula). E’ ad ampie scosse che tendono, persistendo la postura, ad aumentare di ampiezza ed è più rapido del tremore a riposo. È presente in numerose patologie: ipertiroidismo, tossici esogeni  (sali di litio, antidepressivi triciclici, acido valproico, sali di mercurio), stati ansiosi, neuropatie periferiche, sclerosi multipla. In assenza di tali patologie viene definito essenziale.

Tremore intenzionale o d’azione

Compare nella fase terminale di esecuzione di un movimento volontario, la cui traiettoria diventa discontinua a causa  di oscillazioni successive di ampiezza crescente. È presente nelle patologie cerebellari e scompare con il riposo.

 



 

Ti potrebbero interessare:

 

 

 

Related Posts

  • 65
    Malattie neurologiche    Tremore Morbo di Parkinson: sintomi, diagnosi e terapia Craniofaringioma Encefaliti virali Ascesso cerebrale Sclerosi multipla Sclerosi multipla:sintomatologia Sclerosi multipla: diagnosi Sclerosi multipla: trattamento Miastenia gravis: sintomi, diagnosi e cura Parasonnie Sonnambulismo Narcolessia Morbo di Alzheimer Encefaliti virali Rabbia:malattia Ictus: sintomi, trattamento Emorragia subaracnoidea
    Tags: morbo, tremore, salute
  • 59
        Che cos'è la stomatite? La stomatite è un processo infiammatorio acuto o cronico della mucosa della bocca.   Stomatite catarrale o eritematosa L a stomatite catarrale o eritematosa è causata da una cattiva igiene dentale, alimentare (cibi troppo speziati o troppo caldi). Si riscontra anche in corso di…
    Tags: in, è, salute, post-format-aside
  • 57
      Che cos’è la penicillamina? La penicillamina è un chelante dei metalli pesanti , soprattutto del rame e del piombo.   Indicazioni Malattia di Wilson Intossicazione da piombo e da mercurio Cistinuria cronica ( per prevenire la litiasi ) Artrite reumatoide Precauzioni Rigoroso controllo ematologico durante le prime tre settimane…
    Tags: è, i, salute, post-format-aside
  • 54
    Che cos’è l’ischemia mesenterica?   L’ ischemia mesenterica è una condizione dovuta all’occlusione acuta o alla stenosi progressiva di uno o più rami del tripode celiaco a seguito di embolia in corso di fibrillazione atriale o trombosi su base aterosclerotica o, meno frequentemente di interessamento dei vasi intestinali in corso…
    Tags: è, in, i, salute, post-format-aside
  • 52
    Che cos'è l' emorragia subaracnoidea? L'emorragia subaracnoidea (ESA)  è caratterizzata da versamento emorragico fra i due foglietti (pia e aracnoide) della leptomeninge. Anche se costituisce solo il 5% di tutti gli episodi cerebrovascolari acuti è il sottotipo di stroke di maggiore gravità. La mortalità dell' emorragia subaracnoidea è infatti intorno…
    Tags: è, in, salute, post-format-aside

Malattia di Wilson




La malattia di Wilson è una malattia genetica caratterizzata da accumulo di rame nell'organismo. La malattia di Wilson sviluppa sintomi epatici o neurologici. La malattia di Wilson è determinata da una mutazione genetica che in genere viene ereditata dai genitori. La malattia di Wilson viene trattata con farmaci chelanti il rame, in grado di legarlo, per ridurre la quantità nell'organismo.

Che cos’è la malattia di Wilson?

La malattia di Wilson è un disordine del metabolismo caratterizzato da accumulo tissutale di rame a trasmissione autosomica recessiva. E’ una malattia familiare ed ereditaria legata ad un disturbo del metabolismo del rame caratterizzato da lesione dei nuclei lenticolari  con rigidità muscolare generalizzata, disartria, tremore e da cirrosi.La malattia di Wilson è diffusa in tutte le razze e in ogni area geografica.

Patogenesi

Il rame è un metallo essenziale per il funzionamento di vari enzimi con i quali agisce come cofattore. Viene assorbito nell’intestino e, dopo legame con l’albumina, tramite il circolo portale giunge al fegato, che lo immette nella circolazione generale dove viene veicolato dalla ceruloplasmina. La malattia di Wilson è un deficit della capacità degli epatociti di eliminare il rame attraverso la bile, per cui questo si accumula nel fegato inibendo la conversione di apoceruloplasmina  in ceruloplasmina, cioè  la forma attiva di tale proteina che è in grado di legare il rame. A causare la malattia di Wilson è un’alterazione del gene ATP7B, localizzato sul cromosoma 13. La mutazione comporta una riduzione dell’escrezione del rame, con un conseguente accumulo del metallo inizialmente nel fegato e poi, quando le capacità di accumulo sono esaurite anche nel cervello, nei reni e nella cornea.

 




 

Quali sono i sintomi della malattia di Wilson?

La presentazione clinica è variabile e l’età di insorgenza va dai 6 ai 40 anni. Nel 50% dei casi, l’esordio è  con manifestazioni epatiche, da elevazione delle aminotransferasi a cirrosi epatica o epatite acuta (spesso a carattere fulminante).

Nel cervello l’eccessivo accumulo di rame ha distribuzione ubiquitaria, tuttavia è più frequente e più marcato a livello dei nuclei della base, in particolare quello lenticolare. Una presentazione della malattia di tipo neurologico si realizza nel 35% dei casi, soprattutto nei pazienti sopra i 20 anni di età.

Sintomi frequenti sono:

  • Tremore
  • Bradicinesia
  • Incoordinazione motoria
  • Disartria

Una tipica manifestazione della malattia di Wilsonè la  presenza dell’ anello di Kayser-Fleischer dovuta alla deposizione di rame  nella membrana di Descemet sulla superficie posteriore della cornea.

Frequenti sono pure le manifestazioni psichiatriche:

  • Turbe del comportamento e della personalità
  • Psicosi maniaco depressiva
  • Schizofrenia

A carico del rene si può si può verificare la comparsa di aminoaciduria, di acidosi tubulare renale e di nefrolitiasi.

 

Come viene diagnosticata la malattia di Wilson?

La diagnosi di malattia di Wilson, oltre che sulle  caratteristiche del quadro clinico, va sospettata per riscontro di una limitazione della concentrazione sierica di ceruloplasmina (< 20 mg/dL).

L’evidenza di  aumentata escrezione urinaria di rame (cupruria) nelle 24 ore (>100 µg/24 ore) e di una diminuzione del rame sierico (cupremia) è un indicatore diagnostico.

Un’ulteriore conferma si può ottenere con il test provocativo di escrezione urinaria di rame alla penicillamina.

La biopsia epatica permette di valutare la concentrazione di rame presente nel tessuto; un contenuto epatico di rame >250 µg/g di  tessuto secco è ritenuto il test diagnostico più attendibile per la diagnosi.

 




 

Terapia

Il trattamento si basa su agenti chelanti il rame e va continuato per tutta la vita. Il farmaco di prima scelta è la penicillamina che induce le metallotioneine intestinali (che chelano e sequestrano il rame) e aumenta l’escrezione urinaria del metallo.

Il farmaco di seconda scelta e la trientina (non in commercio in Italia) che aumenta l’escrezione urinaria del rame ed è un chelante del ferro.

Nel trattamento dei pazienti presintomatici, in gravidanza e nella terapia di mantenimento possono essere somministrati i sali di zinco, che agiscono  riducendo l’assorbimento intestinale del rame e aumentandone  l’escrezione fecale. 

 




 

Ti potrebero interessare:

 

Penicillamina 

 


 

Related Posts

  • 74
      Che cos’è la penicillamina? La penicillamina è un chelante dei metalli pesanti , soprattutto del rame e del piombo.   Indicazioni Malattia di Wilson Intossicazione da piombo e da mercurio Cistinuria cronica ( per prevenire la litiasi ) Artrite reumatoide Precauzioni Rigoroso controllo ematologico durante le prime tre settimane…
    Tags: è, malattia, per, wilson, dei, salute, post-format-aside
  • 59
    Listeriosi: infezione da listeriaChe cos'è la listeriosi? La listeriosi è definita dall'OMS una malattia relativamente rara, ma preoccupante per l'elevato tasso di letalità (20- 30% ) tra i pazienti ospedalizzati. La listeriosi è una malattia batterica causata da listeria monocytogenes, le cui manifestazioni cliniche sono polimorfi. La listeria monocytogenes è un bacillo aerobio…
    Tags: è, in, dei, si, malattia, per, salute
  • 59
              Che cos'è la spondilite anchilosante? La spondilite anchilosante è una malattia infiammatoria cronica sistemica che colpisce le articolazioni vertebrali e sacro-iliache ed è caratterizzata da una rigidità progressiva della colonna vertebrale che evolve verso l'anchilosi. La spondilite anchilosante colpisce generalmente soggetti giovani, con un picco…
    Tags: è, in, malattia, dei, si, nel, salute, post-format-aside
  • 58
    Cosa sono gli anelli di Kayser-Fleische?   Gli anelli di Kayser-Fleische sono formazioni  giallo-brunastre sul lembo sclero-corneale dovute al deposito di rame. Insorgono alla periferia della cornea, più precisamente a livello della membrana di Descemet. La  loro presenza è un segno diagnostico  della malattia di Wilson. Può essere presente anche…
    Tags: malattia, è, in, wilson, rame, per, salute
  • 57
    Descrizione La malattia da graffio di gatto è causata da Bartonella henselae ed esordisce nel 90% dei casi con una papula o pustola cutanea in corrispondenza di un graffio o morso di un gatto, di solito avvenuto circa 7 giorni prima, il gatto è l'ospite naturale dell'infezione (fino al 50%…
    Tags: è, si, malattia, in, come, dei, per, salute

Ischemia mesenterica

L'ischemia mesenterica è causata dall'insufficiente afflusso di sangue all'intestino tenue. L'ischemia mesenterica può esere acuta o cronica. L’ischemia mesenterica acuta è un’urgenza medicochirurgica la cui prognosi è infausta. L'ischemia mesenterica Può colpire sia l'intestino tenue che il crasso, o entrambi contemporaneamente. I sintomi di un'ischemia mesenterica possono verificarsi improvvisamente o gradualmente nel corso del tempo. Il trattamento per l'ischemia mesenterica è quello che prevede il ripristino del flusso sanguigno


Che cos’è l’ischemia mesenterica?

 

L’ ischemia mesenterica è una condizione dovuta all’occlusione acuta o alla stenosi progressiva di uno o più rami del tripode celiaco a seguito di embolia in corso di fibrillazione atriale o trombosi su base aterosclerotica o, meno frequentemente di interessamento dei vasi intestinali in corso di vasculiti sistemiche. I fattori di rischio per l’ischemia mesenterica acuta comprendono  fibrillazione atriale, l’insufficienza cardiaca, l‘insufficienza renale cronica, la tendenza a formare coaguli di sangue e l’ infarto del miocardio .

 




Epidemiologia

La fascia di età più colpita è quella geriatrica, anche a motivo della frequente riduzione del flusso splancnico che si osserva in questa condizione,  e i più importanti fattori di rischio sono la sindrome metabolica e il tabagismo. Un’altra condizione a rischio è rappresentata dalla riduzione del volume circolante efficace in corso di infarto del miocardio, scompenso cardiaco congestizio, emorragie e sepsi.

 

Qual è il decorso clinico dell’ ischemia mesenterica?

Il decorso clinico della forma acuta è spesso drammatico e insorge più verso i 60 -70 anni.

L’inizio è brusco:

  • Dolori addominali violenti accompagnati da diarrea ematica
  • Vomito
  • In un primo tempo l’addome è trattabile per iperistaltismo all’auscultazione  poi l’addome  si distende, diventa silenzioso e presenta segni di peritonite  per leucocitosi, ipotensione, ipovolemia.
  • Talvolta shock settico.

La forma cronica:

  • Angor addominale post prandiale, spesso difficile da distinguere dall’angor cardiaco,  presenza frequente di un soffio addominale.
  • Il dimagrimento è secondario la perdita dell’appetito, più raramente a un malassorbimento.
  • La radiografia dell’addome può mostrare calcificazioni vascolari.
  • L’angiografia  rivela uno o più stenosi del tronco principale dell’arteria mesenterica superiore.
  • Nelle donne giovani vi è forma rara di compressione del tronco celiaco da parte del legamento arcuato del diaframma. Le pazienti in buono stato generale, si lamentano di dolori epigastrici di intensità e durata variabili, talora accompagnati da nausea e vomito. Talvolta si ascolta un soffio epigastrio la diagnosi è possibile con l’angiografia.

 




 

Diagnosi

La diagnosi si basa sull’attenta valutazione dei fattori di rischio che guidano il sospetto clinico e, quindi, sull’esecuzione di indagini angiografiche mediante Tomografia Computerizzata o Risonanza Magnetica, o dell’Ecografia duplex che combina l’ultrasonografia B- mode all’analisi Doppler.

 

Qual è la terapia per l’ischemia mesenterica?

La terapia è conservativa fin quando è possibile e si basa sull’uso di vasodilatatori, antiaggreganti e i miorilassanti. Situazioni più avanzate richiedono interventi di rivascolarizzazione (angioplastica percutanea, posizionamento di stent,effettuazione di bypass e/o la resezione del tratto di intestino ischemico).

 




Ti potrebbero interessare:

 

 




Related Posts

  • 55
        Che cos'è la stomatite? La stomatite è un processo infiammatorio acuto o cronico della mucosa della bocca.   Stomatite catarrale o eritematosa L a stomatite catarrale o eritematosa è causata da una cattiva igiene dentale, alimentare (cibi troppo speziati o troppo caldi). Si riscontra anche in corso di…
    Tags: si, in, è, l, salute, post-format-aside
  • 54
    Che cos'è il tremore?   Il tremore è un' oscillazione ritmica e involontaria, che un segmento corporeo descrive intorno alla sua posizione di equilibrio, dovuta a contrazione ripetuta dei muscoli agonisti e antagonisti. I tremori sono presenti solo nello stato di veglia e scompaiono nel sonno.  Può essere differenziato in…
    Tags: è, i, in, salute, post-format-aside
  • 51
      Che cos’è la penicillamina? La penicillamina è un chelante dei metalli pesanti , soprattutto del rame e del piombo.   Indicazioni Malattia di Wilson Intossicazione da piombo e da mercurio Cistinuria cronica ( per prevenire la litiasi ) Artrite reumatoide Precauzioni Rigoroso controllo ematologico durante le prime tre settimane…
    Tags: è, l, i, per, salute, post-format-aside
  • 48
              Che cos'è la spondilite anchilosante? La spondilite anchilosante è una malattia infiammatoria cronica sistemica che colpisce le articolazioni vertebrali e sacro-iliache ed è caratterizzata da una rigidità progressiva della colonna vertebrale che evolve verso l'anchilosi. La spondilite anchilosante colpisce generalmente soggetti giovani, con un picco…
    Tags: è, in, più, i, si, salute, post-format-aside
  • 48
    Che cos'è la malattia di Wilson? La malattia di Wilson è un disordine del metabolismo caratterizzato da accumulo tissutale di rame a trasmissione autosomica recessiva. E' una malattia familiare ed ereditaria legata ad un disturbo del metabolismo del rame caratterizzato da lesione dei nuclei lenticolari  con rigidità muscolare generalizzata, disartria,…
    Tags: è, in, si, per, salute, post-format-aside
Enable Notifications    OK No thanks