Epatite A (HAV)




Che cos’è l’epatite A ?

L’epatite A è causata da un virus a RNA della famiglia delle picornaviridae. Non ha effetto citopatico diretto e il danno epatico sembrerebbe causato dalla risposta immune, mediata da anticorpi circolanti e dai linfociti T citotossici CD8+ HAV specifici in grado di provocare la lisi degli epatociti infettati. Si tratta di un un virus termostabile, resistente agli acidi e, soprattutto, all’attacco della bile, essendo privo di rivestimento lipidico, caratteristica questa che rende possibile la trasmissione fecale-orale. Viene inattivato dall’ebollizione per circa 1 minuto, dalla formaldeide, dal cloro e dall’esposizione ai raggi ultravioletti. Tutti i soggetti  che  hanno contratto il virus HAV, una volta sconfitta la patologia, risultano immunizzate dal virus in maniera permanente.

 

Quanto è diffuso il virus dell’epatite A?

Il virus dell’epatite A viene eliminato con le feci e il massimo titolo viene raggiunto due settimane prima e una dopo l’insorgenza della malattia. Pertanto dal punto vista epidemiologico, la modalità di trasmissione è quella oro-fecale attraverso l’ingestione di acqua e/o cibi contaminati da feci umane,  succhi o alimenti crudi o non sufficientemente cotti (insalate, frutta non sbucciata, frutti di mare, cubetti di ghiaccio). L’infezione da HAV ha diffusione ubiquitaria e si può manifestare in forma sia sporadica sia epidemica; ed è largamente influenzata dalle condizioni igienico-sanitarie essendo più frequente nelle regioni a basso livello socio-economico: in tali aree geograficamente (Africa, America Meridionale, Sud-Est Asiatico) la gran parte delle infezioni viene contratta dai bambini (spesso asintomatica); per contro nei paesi a più alto tenore di vita (America del Nord e Nord Europa), l’infezione è più frequente tra i giovani e gli adulti. I fattori di rischio principali sono in viaggi in zone endemiche e il consumo di frutti di mare e cibi infetti.

 




 

Come si diagnostica l’epatite A?

La diagnosi dell’epatite A si effettua attraverso semplici esami del sangue o delle feci, o, nella fase sintomatica, attraverso una visita medica. Determinazione delle IgM anti-HAV nei campioni di siero prelevati in fase acuta o all’inizio della fase di convalescenza.

 

Quali sono i sintomi dell’epatie A?

I sintomi dell’epatite A si manifestano tipicamente dopo alcune settimane dall’infezione.

I sintomi principali sono:

  • Affaticamento
  • Nausea, vomito e perdita di appetito
  • Dolori e disagio addominale, specialmente nell’area del fegato.
  • Ingiallimento di occhi e pelle (ittero)
  • Urine di colore scuro
  • Febbre leggera e dolori muscolari.

 

Prognosi

Guarigione in 6-12 mesi, senza sequele cliniche; una piccola percentuale di pazienti presenta una o due recidive clinicamente e sierologicamente evidenti; in alcuni casi si può verificare una colestasi marcata, che suggerisce un’ ostruzione biliare; i decessi sono rari (epatite fulminante); non esiste lo stato di portatore cronico.




Prevenzione

L’epatite A può essere prevenuta mediante vaccinazione. È disponibile un vaccino virus (vivo attenuato in coltura e inattivato con formaldeide) da somministrare in due dosi distanziate di 6-12 mesi; la risposta vaccinale è elevata e oltre il 95% degli adulti sviluppa anticoprpi anti-HAV un mese dopo la prima dose di vaccino. La vaccinazione è consigliata ai soggetti non immuni che si recano in zona ad elevata endemia, militari, personale ospedaliero, ai lavoratori affetti al trattamento dei rifiuti liquidi. Anche i soggetti affetti da epatopatia cronica.

 

Trattamento

Non esistono trattamenti specifici per l’epatite A. Nella grande maggioranza dei casi, la patologia recede spontaneamente in un paio di mesi, senza lasciare alcun danno permanente al fegato. E’ consigliabile una dieta equilibrata e un relativo riposo durante la fase sintomatica. È utile anche astenersi dall’assunzione di alcolici.




Ti potrebbero interessare:


 





 

 

 

(Visited 47 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 76
    Dolore al gomito      Gomito Il gomito è la regione dell’arto superiore in cui si compie l’articolazione tra braccio e avambraccio (cioè tra omero, ulna e radio); la regione posteriore del gomito, l’angolo sporgente che si forma piegando l’avambraccio. Cause del dolore al gomito Il gomito è soggetto a traumi e…
    Tags: è, i, si, può, per, non, in, sintomi, salute
  • 72
    Listeriosi: infezione da listeriaChe cos'è la listeriosi? La listeriosi è definita dall'OMS una malattia relativamente rara, ma preoccupante per l'elevato tasso di letalità (20- 30% ) tra i pazienti ospedalizzati. La listeriosi è una malattia batterica causata da listeria monocytogenes, le cui manifestazioni cliniche sono polimorfi. La listeria monocytogenes è un bacillo aerobio
    Tags: è, in, si, per, non, salute
  • 72
    Descrizione La malattia da graffio di gatto è causata da Bartonella henselae ed esordisce nel 90% dei casi con una papula o pustola cutanea in corrispondenza di un graffio o morso di un gatto, di solito avvenuto circa 7 giorni prima, il gatto è l'ospite naturale dell'infezione (fino al 50%…
    Tags: è, i, si, in, dopo, sintomi, può, per, salute
  • 69
      La distorsione al ginocchio è la conseguenza di un trauma o di un movimento brusco e anomalo dell'articolazione del ginocchio che causa quella che in gergo medico viene chiamata " perdita temporanea dei rapporti articolari", cioè una situazione in cui i capi articolari che permettono di stendere e di…
    Tags: in, è, per, può, si, non, più, i, salute
  • 68
    Ebola: sintomi, trasmissioneChe cos'è il virus dell'ebola? L'ebola è una malttia altamente letale. Il virus ebola appartiene alla famiglia delle Filoviridae, genere Ebolavirus. È un virus a RNA a singola elica, identificata a metà degli anni 70 in Africa centrale; il serbatoio potrebbe essere rappresentato da alcuni pipistrelli, ma mancano prove definitive;…
    Tags: è, in, virus, sintomi, i, per, delle, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Enable Notifications    OK No thanks