Iperaldosteronismo



Definizione

L’ipertensione da iperaldosteronismo costituisce l’1-11% di tutte le forme di ipertensione arteriosa e trova il suo meccanismo eziopatogenetico nell’iperproduzione di aldosterone. La maggior parte dei casi di iperaldosteronismo primitivo è causato da adenoma solitario o da iperplasia della corticale del surrene. L’aldosterone determina incremento dei valori pressori attraverso l’aumento del volume plasmatico, del contenuto di sodio e delle resistenze periferiche. L’eccesso di aldosterone provoca alterazioni vascolari, renali e cardiache caratterizzate da deposito di tessuto fibroso. A livello vascolare ciò determina uno sviluppo accelerato di aterosclerosi, mentre a livello renale e cardiaco provoca una rapida compromissione funzionale.

 

Eziologia

Ipersecrezione da aldosterone autonoma, che sfugge alla servoregolazione.

  1. Adenoma benigno della zona glomerulare del cortico-surrene; il tumore è spesso nel surrene sinistro e misura 0,3-3 cm di diametro; è 2-3  volte più frequente nella donna rispetto all’uomo.
  2. Iperplasia bilaterale della zona glomerulare del cortico-surrene che può essere diffusa o focale, micro o macro nodulare. Il cancro è molto raro.



Sintomi

  1. L’iperaldosteronismo è caratterizzato da ipertensione secondaria, resistente al trattamento farmacologico.
  2. Debolezza muscolare, talvolta paralisi intermittente (ipokaliemia).
  3. Spasmofilia con segni di Chvostek  e di Trousseau; talvolta crisi di tetania in rapporto con l’alcalosi. Parestesie.Cefalee frequenti e talvolta intense.
  4. Polidipsia e poliuria soprattutto notturne, che resistono alla somministrazione di ormone antidiuretico. L’assenza di edema è caratteristica dell’ iperaldosteronismo primitivo.

 

Esami di laboratorio

L’ipokaliemia (≤ 3,5 mEq/L) spontanea è presente nella maggior parte dei pazienti affetti da iperaldosteronismo. L’attività reninica plasmatica(PRA)  di solito è soppressa e non è sensibile al clinostatismo. Il rapporto tra aldosterone plasmatico e attività renina plasmatica (valore normale = 10) spesso è aumentato fino al valore di 20-50. Il test di soppressione con fludrocortisone consiste nella misurazione dei livelli di aldosterone e PRA dopo tre giorni di dieta Ipersodica e fludrocortisone.

 



 

Esami strumentali

La TC ad alta definizione può identificare adenomi surrenalici delle dimensioni di pochi millimetri.

La RM è dotata di maggiore sensibilità ma minore specificità.

La scintigrafia con colesterolo marcato con 131I, come il 6β-⌈131⌉- indometil-norcolesterolo (NP-59), con  test  di soppressione con desametasone consente di distinguere tra adenomi che rimangono visibili e iperplasia che non mostra captazione di radiofarmaco, in quanto inibita.

 

Terapia

La terapia dell’ipertensione da iperaldosteronismo varia in funzione della sua eziologia: in caso di adenoma sono più indicate le procedure chirurgiche, mentre in caso di iperplasia è da preferire la terapia medica. La tecnica chirurgica maggiormente diffusa è la surrenectomia monolaterale per via laparoscopica. La terapia medica prevede l’uso di antagonisti recettoriali dell’aldosterone come spironolattone o eplerenone in monoterapia o in terapia di combinazione con diuretico tiazidico.

 



 

Ti potrebbero interessare:

 

Ipertensione nefrovascolare

Ipertensione

Alimentazione e stile di vita nell’ipertensione

Feocromocitoma 

Adenoma

Ipertensione. Una dieta povera di sodio

può “mascherarla” nei test ematici

 


Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 35
    Definizione Con il termine "ipertesione nefrovascolare" viene definita  la condizione di ipertensione arteriosa causata dall' ischemia renale, la cui eziologia nella maggioranza dei casi è da attribuire a malattia nefrovascolare. L'ipertensione nefrovascolare, tra le cause conosciute di ipertensione, è quella più frequente. L'ipertensione nefrovascolare viene classificata in base al meccanismo…
    Tags: ipertensione, è, in
  • 33
    Introduzione   L'obiettivo della terapia antipertensiva è quello di ottenere, a lungo termine, una riduzione della morbilità e mortalità cardiovascolare. I valori target di pressione arteriosa sistolica da raggiungere durante il trattamento sono≤ 140 mmHg. In particolare questi valori sono raccomandabili in tutti i pazienti a rischio basso-moderato, nei pazienti…
    Tags: in, è, terapia
  • 32
                Introduzione    La rettocolite ulcerosa (RCU) è una malattia infiammatoria cronica dell'intestino crasso le cui lesioni interessano invariabilmente il retto e possono estendersi prossimalmente in modo continuo e uniforme fino a interessare anche tutto il colon. L'infiammazione nella rettocolite ulcerosa coinvolge soltanto lo strato…
    Tags: è, in, può, terapia
  • 30
    Definizione L’adenoma della prostata è un’iperplasia benigna delle ghiandole prostatiche para-uretrali, che causa disturbi nell’eliminazione dell’urina. L’adenoma della prostata non deve essere considerata una malattia fino a quando non produca ostacolo al flusso dell’urina e/o sintomi che alterino il fisiologico atto dello svuotamento vescicale (minzione). Eziologia L'adenoma della prostata è…
    Tags: in, è, adenoma, può

Rispondi

Enable Notifications    Ok No thanks