Pericardite acuta


Cardiac diagnosis Pericarditis. Medical form report with written diagnosis of Pericarditis lying on the table in doctor cabinet, surrounded by stethoscope, manometer and ecg. Concept for cardiology - Foto stock royalty-free di Pericardite

Definizione

Per pericardite acuta si intende un’ infiammazione del pericardio con formazione di un essudato fibrinoso o sieroso- fibrinoso, talvolta emorragico​.

Epidemiologia

L’incidenza generale della pericardite acuta non può essere determinata a causa dell’elevato numero di casi che non vengono diagnosticati. Si stima che rappresenti circa l’ 1% delle cause di ospedalizzazione. Una delle diagnosi più frequente nei  reparti di Emergenza P. S. costituendo fino al 5% dei casi di dolore toracico.

 


 

Eziologia

Il prototipo è rappresentato dalla pericardite da virus, ma nella maggior parte dei casi l’eziologia rimane indeterminata. Molti casi di pericardite virale, infatti, vengono classificati come “pericardite acuta idiopatica“. La pericardite idiopatica costituisce circa l’ 80- 90% dei casi di pericardite acuta, con prevalenze che variano in base alle caratteristiche demografiche della popolazione e alle variazioni stagionali delle infezioni virali. La tubercolosi potrebbe anche essere la causa di alcune di queste pericarditi definite idiopatiche. Più frequenti sono le pericarditi epistenocardiche, che insorgono 24-72 ore dopo un infarto miocardico per irritazione dei foglietti sovrastanti l’area infartuata. La loro incidenza si è nettamente ridotta dopo l’introduzione di tecniche che consentono la precoce rivascolarizzazione (trombolisi,rivascolarizzazione miocardica chirurgica e percutanea.

 

Sintomi

La pericardite acuta esordisce quasi sempre con un dolore toracico. Il dolore pericarditico insorge spesso in modo brusco e improvviso, di tipo trafittivo e simil-pleuritico (si accentua con il respiro, con la rotazione del tronco, con la tosse). Alcune volte può essere sordo e oppressivo, simile a quello dell’ infarto miocardico.

Viene localizzato al torace anteriore in sede precordiale retrosternale, ma può irradiarsi al collo, alla spalla sinistra, ai due arti inferiori, al dorso.

Il dolore pericarditico è spesso attenuato dalla posizione seduta con il busto inclinato in avanti ed è accentuato in clinostatismo.

Altri sintomi associati sono:

  • Astenia
  • Tachicardia
  • Dispnea
  • Tosse non produttiva e a volte singhiozzo.

Altri sintomi sono caratterizzati da:

  • Febbre con brivido scuotente (solitamente con temperature < 39 C)
  • Malessere generale
  • Mialgie

I soggetti anziani tuttavia, possono essere apiretici. I pochi casi di pericardite acuta in cui vi è assenza di dolore vengono diagnosticati sulla base dei sintomi associati o in corso di accertamenti per malattie sistemiche.

 


 

Diagnosi

il quadro clinico, in presenza di dolore tipo pericardico o di sfregamento pericardico, permette di sospettare la presenza di un’ infiammazione del pericardio.

Elettrocardiogramma

  • Caratteristicamente si osserva un sopraslivellamento del tratto ST con concavità verso l’alto in tutte le derivazioni. Infatti, al contrario della sindrome coronarica acuta in cui alterazioni del tratto ST sono circoscritte alla zona interessata dall’ ischemia miocardica, nella pericardite acuta il sopraslivellamento del tratto ST coinvolge tutte le derivazioni. Nei giorni successivi si normalizza il tratto ST e successivamente si negativizza l’onda T.

-Sottoslivellamento del PR (segno più specifico)

-Diminuzione del voltaggio del QRS.

Radiografia toracica

Cardiomegalia globale, con perdita della normale silhouette cardiaca. Se il versamento pericardico è significativo l’ombra cardiaca assume la caratteristica forma “a fiasco”.

Ecocardiogramma

E’ l’esame più utilizzato ed efficace per valutare la presenza di versamento pericardico. In presenza di cardiomegalia alla radiografia, permette di capire se essa sia dovuta ala dilatazione delle camere cardiache o alla presenza di versamento. In quest’ultimo caso permette anche di stimare la quantità del versamento.

Esami di laboratorio

Può essere presente un aumento del CPK e a volte anche delle troponine, in presenza di coinvolgimento del miocardio sottostante​.

 

Decorso e prognosi

Nel 70-90% dei casi è una patologia che non va incontro a complicanze nè recidive; di conseguenza, la prognosi della pericardite acuta è di solito buona e non richiede l’ospedalizzazione. Il ricovero ospedaliero è indicato solo quando insorgano complicanze, quando non vi è risposta al trattamento iniziale oppure quando si sospetta una determinata eziologia che richiede un approfondimento diagnostico di tipo laboratoristico e strumentale.


 

Terapia

La terapia delle pericarditi infettive dovrebbe essere causale, ma ciò è possibile solo in pochi casi (pericardite tubercolare, pericarditi da piogeni). Nelle pericarditi virali la terapia è solo sintomatica, con aspirina ad alte dosi o antinfiammatori non steroidi impiegati per ridurre il dolore e l’irritazione flogistica. Molti pazienti presentano un beneficio clinico già dopo le prime somministrazioni. Quando il dolore persiste nonostante la terapia antinfiammatoria è indicato aggiungere analgesici. La colchicina può essere utilizzata in aggiunta ai farmaci antinfiammatori o come monoterapia, nelle fasi iniziali della patologia e per la profilassi delle recidive.​

 

Ti potrebbero interessare:

 


(Visited 62 times, 2 visits today)

Related Posts

  • 77
    Sintomatologia La presentazione clinica della miocardite può essere molto variabile e comprende forme: fulminanti caratterizzate da una grave improvvisa disfunzione cardiaca spesso letale; simil-infartuali, nelle quali il paziente presenza dolore toracico oppressivo associato a sopraslivellamento ST e rialzo degli indici di necrosi miocardica (una miocardite acuta nei maschi adulti può…
    Tags: può, in, terapia, essere, dei, acuta, dolore, casi, si, delle
  • 56
    Definizione Le pericarditi ricorrenti sono caratterizzate da un'infiammazione ricorrente del pericardio. Per pericardite si intende un’ infiammazione del pericardio con formazione di un essudato fibrinoso o sieroso- fibrinoso, talvolta emorragico​. Questo quadro infiammatorio può presentarsi come un singolo episodio, ma anche con 2 o più episodi.   Epidemiologia Le pericarditi…
    Tags: per, si, pericarditi, è, pericardite, terapia, in, acuta
  • 56
    Che cos'è l'appendicite acuta?  L'appendicite acuta consiste in un processo flogistico acuto a carico dell'appendice vermiforme. Approssimativamente il 7-12% della popolazione dei paesi occidentali va incontro ad appendicite acuta nel corso della vita, ed essa rappresenta la più frequente indicazione chirurgica addominale di urgenza nei bambini e nei giovani adulti,…
    Tags: in, è, si, dolore, acuta, non, può, più
  • 45
      Definizione   La febbre reumatica acuta (FRA) è una sindrome infiammatoria post-infettiva che segue un'infezione da streptococco di gruppo A.  Le infezioni alla gola da streptococco sono molto comuni tra la popolazione ma solo una piccola parte di pazienti svilupperà la malattia dopo circa 15 giorni da tale infezione. …
    Tags: in, dei, per, è, essere, più, non, si, può, casi
  • 43
      Cos'è la malattia di Chagas? La malattia di Chagas detta anche Tripanosomiasi americana è una malattia infettiva causata da un parassita (Trypanosoma cruzi) di cui l'ospite intermedio è una cimice, il più spesso Pantrongylus megistus. La trasmissione avviene  per puntura dell'insetto o per contatto della congiuntiva delle mucose o della…
    Tags: per, più, è, acuta, in, si

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications    OK No thanks