Pertosse: sintomi, trattamento e vaccinazione


 

Indagine, Stetoscopio, Per Ascoltare
Pertosse

Generalità

La pertosse è una malattia infettiva acuta, contagiosa, diffusiva, di origine batterica che colpisce l’apparato respiratorio ed è conosciuta come tosse convulsa o canina. E’ caratterizzata da accessi di tosse spasmodica accompagnata da un urlo inspiratorio​. La pertosse colpisce prevalentemente i bambini nei primi 5 anni di vita (40% nei primi 2 anni). La malattia, una volta superata, conferisce immunità protratta (raramente si osservano recidive). La pertosse è diffusa in tutto il mondo ma è diventata rara nei paesi in cui è stata introdotta la vaccinazione. Il 90% dei casi di pertosse si riscontrano nei paesi in cui non viene effettuata la vaccinazione ed è causa di morte tra i bambini . In Italia la pertosse viene obbligatoriamente notificata alle autorità sanitarie.

Trasmissione e contagio

La pertosse si trasmette per contatto diretto, con le goccioline di Flügge; è altamente contagiosa. L’agente eziologico è la Bordetella pertussis, scoperta da Bordet e Gengou. E’ un piccolo (0’3-0,6) bacillo Gram-negativo, immobile, molto vicino nelle caratteristiche all’ Haemophilus influenzae o bacillo di Pfeiffer. Il bacillo può essere isolato dal muco espettorato con i colpi di tosse.

 

Sintomatologia clinica

La durata dell’incubazione della pertosse è sconosciuta; tuttavia si ritiene in media 7-10 giorni. Il periodo della malattia può essere diviso in tre parti.

Fase catarrale, degli accessi. La fase catarrale dura una 1 a 2 settimane. L’inizio è subdolo: nelle prime vie respiratorie si forma un lieve catarro, accompagnato da:

  • rinite
  • starnuti
  • lacrimazione
  • febbricola
  • tosse che diventa sempre più stizzosa, prevalentemente notturna dopo alcune ore di sonno.
  • talvolta compare vomito in rapporto alla tosse
  • l’appetito diminuisce
  • il bambino dorme poco
  • la tosse a poco a poco assume la caratteristica di insorgere ad accessi.

Fase degli accessi dura solitamente 2-4 settimane, ma può essere più breve o durare più a lungo. Gli accessi sono in numero variabile da pochi a 40-50 al giorno e sono prevalentemente notturni. Il bambino talvolta si comporta come se avesse premonizione dell’attacco. L’accesso è caratterizzato da:

  • 5-10 forti colpi di tosse (espirazione) non intervallati da inspirazioni; dopo un certo periodo di apnea si ha un’ispirazione profonda, forzata. L’aria nel passare attraverso la glottide serrata provoca come urlo, “un canto del gallo” questa ripresa è caratteristica della pertosse. Dopo qualche atto respiratorio normale possono comparire nuovi accessi.

Durante l’attacco il volto del bambino diventa prima rosso; poi cianotico con occhi congesti, lacrimosi; la lingua è protrusa; spesso si formano ulcerazione al frenulo della lingua e lesioni della lingua da morsicatura. Alla fine dell’ attacco può comparire vomito; spesso si ha emissione di muco denso, filante, vitreo.

Lo sforzo provocato dagli accessi può portare a:

  • emorragie sottocongiuntivali
  • emorragie cutanee (specialmente sotto-orbitali) che contribuiscono alla formazione di una facies caratteristica del pertossico.

Anche fuori dall’ attacco gli accessi possono essere provocati dall’ ingestione di alimenti o dal passaggio all’aperto in ambiente chiuso.

Fase di convalescenza: la fase della convalescenza incomincia dopo un periodo di tempo variabile dopo l’inizio della fase accessuale:

  • da 2 a 6 settimane
  • in media 4 settimane.

Le condizioni del soggetto con pertosse migliorano e gli accessi divengono meno frequenti e meno gravi. Tuttavia una certa abitudine alla tosse accessuale dura più a lungo; per lo più settimane, talvolta per più mesi; così pure per il vomito, che può essere provocato anche dalla tosse. L’insorgenza di un raffreddore, di una faringite, di una tracheobronchite durante i mesi che seguono al periodo accessuale può risvegliare la tosse accessuale e il vomito. La costituzione neuropatica favorisce il prolungarsi o il risveglio degli accessi; talvolta l’accesso e il vomito assumono per i bambini il valore di un mezzo per ottenere vantaggi (regali ecc..) dai genitori e parenti ansiosi.

Diagnosi

L’esame obiettivo e l’anamnesi rappresentano, di norma, il primo step del percorso che porta alla diagnosi di pertosse. L’esame del sangue praticato nella prima e seconda fase mette in evidenza una leucocitosi anche notevole (15-20.00 e più leucociti) con linfocitosi assoluta.

Il tampone faringeo permette di isolare il bacillo di B.G.

 

Il test della pertosse viene utilizzato per diagnosticare queste infezioni e per limitare la loro diffusione. Esistono diversi tipi di test per la diagnosi della pertosse:

  • Test molecolari (PCR) per la ricerca del materiale genetico di B. pertussis
  • Esame colturale
  • Test sierologici per la ricerca di anticorpi anti- B. pertussis (IgA, IgG, IgM)

 

Complicazioni

Le complicazioni della pertosse sono:

Complicanze polmonari:

Le complicanze polmonari costituiscono il 90% delle cause di morte del paziente con pertosse.

Complicanze neurologiche: (encefalopatia pertossica) provocano convulsioni e lesioni cerebrali che possono divenire permanente.

Complicanze emorragiche: pericolose le cerebrali.

Terapia

La terapia antibiotica della pertosse dà risultati poco soddisfacenti, anche perché di solito viene iniziata quando la malattia dura da qualche tempo. L’antibiotico di elezione è l’eritromicina, che permette una rapida sterilizzazione del paziente. Il bambino affetto da pertosse va tenuto in un ambiente tranquillo, giustamente caldo, umidificato. La posizione a letto va cambiata frequentemente per evitare il ristagno e facilitare l’emissione delle secrezioni. I pasti devono essere piccoli e numerosi, se il bambino vomita per effetto della tosse deve essere alimentato. Per i neonati gravemente affetti da pertosse è raccomandato il ricovero in isolamento respiratorio. Nel lattante, l’aspirazione per rimuovere l’eccesso di muco dalla faringe può costituire una manovra salvavita.

 

Profilassi

La pertosse è una malattia infantile che può essere prevenuta dal vaccino, la cui incidenza è in aumento. Il vaccino si basa su batteri interi inattivati dal calore. È spesso associato con il vaccino antidifterico e antitetanico (Dtp). In Italia la vaccinazione è obbligatoria. Viene somministrata nei bambini a partire dal compimento dell’ottava settimana di vita. A causa della perdita di immunità nel tempo, sono necessari più richiami: la prima dose, la seconda e la terza vengono fatte a 6-8 settimane di distanza, a cui si aggiunge un’ultima dose di richiamo verso i 2 anni.

 

Vaccini obbligatori 2019: quali sono, calendario delle vaccinazioni e sanzioni

Vaccini obbligatori: da oggi scattano le sanzioni per i bambini – fascia d’età compresa tra i 0 e i 16 anni – non in regola con il piano nazionale prevenzione vaccinale.

Quali sono i vaccini obbligatori (CONTINUA)


Articoli correlati:

 

Broncopolmonite nei bambini

La polmonite è un’ infezione acuta del tratto respiratorio e può presentarsi con tosse, difficoltà respiratoria o entrambi. La broncopolmonite è un tipo particolare di polmonite, che comporta l’infiammazione di bronchi, bronchioli e alveoli polmonari. (Continua)

Bronchiolite: sintomi e terapie

La bronchiolite è un’ infezione respiratoria di origine virale, dovuta ad infiammazione ed ostruzione dei bronchioli, che colpisce i bambini nei primi 2 anni di vita (prevalentemente lattanti di 2-8 mesi). (Continua)

Sesta malattia: cause, diagnosi e sintomi

La sesta malattia (roseola infantum, esantema subitum, esantema infantum, esantema critico) è una patologia virale causata da due virus:

  • herpesvirus umano (HHV) di tipo 6,
  • herpesvirus umano (HHV) di tipo 7

(Continua)

Morbillo: sintomi, diagnosi e complicanze

Il morbillo è una malattia infettiva virale, altamente contagiosa e diffusiva caratterizzata da esantema maculopapuloso confluente, mucositi (manifestazioni catarrali a carico delle prime vie aeree) e compromissione delle condizioni generali. (Continua)


(Visited 56 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 61
    Definizione La malattia di Kawasaki, è una vasculite necrotizzante dei vasi di medio e piccolo calibro(arteriole, vene e capillari), che agisce con un pattern pressoché costante sulle arterie coronarie, producendo in forma tardiva, se non trattata aneurismi multipli (a "corona di rosario"). Eziologia Sconosciuta. Si suppone la partecipazione di un…
    Tags: in, malattia, i, si, per, trattamento, fase, può, bambini, più
  • 55
    Definizione La sifilide, o lue, è una delle IST (infezioni sessualmente trasmesse) più antiche e ancora oggi è molto diffusa nel mondo. Diversamente da altre IST batteriche, come la gonorrea, la sifilide è caratterizzata da una fase acuta primaria, che spesso decorre in maniera del tutto asintomatica, e…
    Tags: è, si, in, può, fase, i, essere, più, per, sintomi
  • 45
    Scoliosi: cause, diagnosi e trattamento       Definizione Il nome scoliosi deriva dal greco, che significa ricurvo. Si tratta di una deviazione laterale, sul piano frontale, permanente della colonna vertebrale, che si accompagna a rotazione delle vertebre di almeno 10°, sul piano assiale( quindi non si parla di scoliosi se e c'è…
    Tags: in, si, è, i, più, sintomi, trattamento
  • 44
          Introduzione L' ipotiroidismo è una sindrome clinica dovuta a un'insufficiente azione degli ormoni tiroidei a livello tissutale, che determina un rallentamento di tutti i processi metabolici. L'ipotiroidismo che si sviluppa durante la vita fetale e neonatale determina una riduzione importante e spesso permanenza dei processi accrescitivi…
    Tags: è, in, può, più, per, si, essere, trattamento, sintomi
  • 43
    Definizione La neurocisticercosi è causata dallo stadio larvale della tenia di maiale Taenia solium, e viene trasmessa per ingestione di alimenti contaminati con uova di parassita, generalmente presenti nelle feci di un portatore umano. Dopo l'ingestione, gli embrioni (oncosfere), si schiudono nell'intestino tenue, invadono la parete intestinale e si diffondono…
    Tags: sintomi, essere, per, si, in, trattamento, è, può, fase, i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications    OK No thanks