Sindrome dell’intestino irritabile

 

La sindrome dell' intestino irritabile è un disturbo molto comune e ne soffrono soprattutto le donne
Sindrome dell’intestino irritabile

 

 

 

Generalità

 

Non più di “colon irritabile”, come si diceva fino a qualche tempo fa bensì di “intestino irritabile” si deve parlare per indicare questa sindrome provocata da una alterazione della motilità intestinale. 
Si calcola che un’elevata percentuale della popolazione adulta 10%-22% presenti sintomi correlabili con la sindrome dell’intestino irritabile. Tale malattia è più frequente nel sesso femminile, e nella fascia di età compresa tra i 30 e i 40 anni.

 

Sintomi

 

I segni e sintomi dell’intestino irritabile sono molto eterogenei e variabili da individuo a individuo. Gli elementi essenziali sono:

  • dolori addominali (variabile per intensità, sede e durata); 
  • irregolarità nell’emissione delle feci (stipsi, diarrea a volte e stipsi e diarrea alternate); 
  • tensione addominale con meteorismo; 
  • ansia o depressione di vario grado, 
  • flatulenza
  • nausea
  • anoressia. 

Coloro che sono affetti da tale malattia spesso riferiscono gonfiore e tensione addominale dopo i pasti. Il disordine motorio intestinale si rende più evidente dopo il pasto a causa dell’incremento 
dell’ attività peristaltica intestinale che si verifica dopo l’ingresso del cibo nello stomaco. Rispetto all’insorgenza di tale malattia si è sempre sostenuta l’importanza dello stress emotivo. Disturbi psichici possono del resto essere evidenziati in gran parte dei pazienti, tanto che questa sindrome viene considerata come un disturbo psicosomatico, che decorre in modo cronico e ricorrente: cioè le fasi sintomatiche alternate a fasi di benessere. 

 

Trattamento 

 

Nella sindrome dell’intestino irritabile, la persona va innanzitutto rassicurata sulla natura benigna della sindrome, con la quale dovrà imparare a convivere, accettandone la cronicità. Alcuni soggetti possono trarre beneficio dall’uso di ansiolitici (quelli con componente ansiosa predominante) antidepressivi (ma solo per periodi limitati e intermittenti). È necessaria un’ attività fisica adeguata e un cambiamento delle abitudini dietetiche ad esempio una regolarizzazione  dell’orario di assunzione dei pasti. Occorre eliminare i cibi e le sostanze stimolanti e irritanti (tè, caffè, alcol, bevande gassate) perché producono fermentazione intestinale. Specie in caso di dolore addominale con diarrea, andranno ridotte le verdure a foglia larga, le leguminose, alcuni tipi di frutta e il latte; in caso di stipsi la dieta dovrà essere più ricca di alimenti ad elevato contenuto di cellulosa, crusca, pane e pasta integrali, verdura. Lassativi e antidiarroici hanno un ruolo solo occasionale. 

 



Le possibili cause della sindrome dell’intestino irritabile 

 

 

FATTORI PSICHICI:

  • instabilità emotiva
  • ansia
  • depressione
  • isterismo 


    FATTORI ALIMENTARI:

 

  • alcol
  • caffè
  • spezie
  • dieta a basso contenuto di scorie 


    FATTORI INFETTIVI:

 

  • squilibrio della flora intestinale (in alcuni casi dipendente da terapia antibiotica). L’unica eziologia ufficialmente riconosciuta è relativa al periodo post-infettivo e gastroenteriti virali.


    ABITUDINI DI VITA:

 

  •  sedentarietà
  • abitudine a controllare lo stimolo alla defecazione
  • uso sconsiderato di lassativi
  • antibiotici
  • psicofarmaci 

Ti potrebbero interessare:

 

Malassorbimento intestinale: cause e sintomi 

 

Intolleranze alimentari 

 

 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 46
    Mango: utilissimo contro la perdita di batteri intestinali    Mango: utilissimo contro la perdita di batteri intestinali. Il mango è un super frutto in grado di proteggere i batteri buoni dell’intestino dagli effetti dannosi di una dieta ricca di grassi. Almeno è stato così nei topi utilizzati nello studio condotto dal Oklahoma University. I risultati sono stati…
    Tags: i, dieta, in, è, irritabile, sindrome
  • 42
    Definizione La malattia di Kawasaki, è una vasculite necrotizzante dei vasi di medio e piccolo calibro(arteriole, vene e capillari), che agisce con un pattern pressoché costante sulle arterie coronarie, producendo in forma tardiva, se non trattata aneurismi multipli (a "corona di rosario"). Eziologia Sconosciuta. Si suppone la partecipazione di un…
    Tags: in, malattia, i, si, per, sindrome, dei, possono, delle, più
  • 39
    Definizione La sindrome di Marfan è una malattia a trasmissione autosomica dominante,causata da mutazioni del gene della fibrillina-1. Abbrevia significativamente l’aspettativa di vita a causa del suo effetto sull'aorta toracica e sulla valvola aortica. È caratterizzata da una triade di aspetti che interessano: Sistema muscolo-scheletrico: estremità lunghe e sottili, tipicamente…
    Tags: sindrome, è, per, essere, in, possono, dei, i, malattia
  • 38
        Che cos'è la sesta malattia?   La sesta malattia (roseola infantum, esantema subitum, esantema infantum, esantema critico)  è una patologia virale causata da due virus: herpesvirus umano (HHV) di tipo 6, herpesvirus umano (HHV) di tipo 7 L''infezione primaria si verifica precocemente nel corso della vita e il…
    Tags: malattia, è, si, dei, per, più, in, delle, i, sintomi
  • 38
    Definizione La sindrome di Alport è una rara forma ereditaria di insufficienza renale progressiva, con un’incidenza di 1 caso su 10000 neonati. E'una malattia delle membrane basali, caratterizzata da persistente microematuria e/o proteinuria con progressivo peggioramento della funzione renale associata a disturbi dell'udito e della vista.   Eziopatogenesi   La…
    Tags: è, sindrome, malattia, i, dei, per, delle, in, si, essere

Rispondi

Enable Notifications    Ok No thanks