Vaccinazione meningococco


 

Premessa

In Italia la vaccinazione contro il meningococco non è obbligatoria.
La vaccinazione contro il meningococco viene consigliata agli operatori sanitari, a coloro che viaggiano e si recano in  aree ad alto rischio, ad esempio Africa sub -Sahariana; a coloro che vivono in comunità, come gli  studenti nei dormitori universitari, i militari in caserma perché a causa del contatto ravvicinato e prolungato corrono maggiori rischi. La vaccinazione contro il meningococco viene consigliata a:
  • coloro che soffrono di alcune patologie di base (tra cui le immunodeficienze) e altre infezioni delle prime vie respiratorie, possono aumentare il rischio di malattia meningococcica. 
  • Soggetti affetti da:
  • anemia falciforme
  • asplenia funzionale o anatomica
  • HI
  • immunodeficienze congenite o acquisite
  • gravi cardiopatie
  • malattie polmonari croniche
  • gravi epatopatie
  • diabete insulino dipendentifistole liquorali

sono ad aumentato rischio di malattia da pneumococco. 

La meningite è un infiammazione delle meningi ovvero delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale e può provocare complicanze gravi e, talvolta infauste come la morte o grave invalidità. Tra  le prime cause di meningite batterica ci sono le infezioni da pneumococco e quelle da meningococco. L’immunizzazione è  l’unica soluzione per non ammalarsi. 

 

L’importanza della vaccinazione

Il migliore strumento che abbiamo per combattere la meningite è rappresentato dai vaccini. I vaccini pneumococcici e meningococcici, infatti, stimolano il sistema immunitario  a produrre  anticorpi protettivi nei confronti degli antigeni in esso contenuti e  hanno un’ottima tollerabilità. La meningite e più in generale le infezioni batteriche invasive fanno paura per la loro gravità e perché, nelle forme fulminanti, possono uccidere  in poche ore. Quando accade, non si fa in tempo a trattarle con gli antibiotici, non c’è nulla da fare, l’unica possibilità  è la prevenzione vaccinale. 

Quando bisogna vaccinarsi?

Gran parte delle forme di meningite e infezione batterica invasiva sono prevenibili con le vaccinazioni di cui oggi si dispone contro diversi patogeni:  Hib, pneumococco e meningococco. Il vaccino contro Hib viene somministrato nel primo anno di vita – al 3°, 5° e 11° mese nella formulazione esavalente, insieme a quelli obbligatori contro tetano, differite, polio ed epatite B e insieme al vaccino raccomandato contro la pertosse

• Diversa è la situazione con le infezioni invasive da pneumococco. Esistono più di 90 tipi di questo batterio e  i vaccini disponibili immunizzano contro quelli più frequentemente causa di malattie. Oggi, i bimbi al terzo, quinto e undicesimo mese di vita vengono vaccinati con un prodotto 13-valente in grado di offrire un’ ampia protezione. Ancora non c’è  un  vaccino  universale contro lo pneumococco, dunque rimane una quota di casi di infezioni dovute a sierotipi più rari, non coperti da alcun vaccino. 

Infine c’è il meningococco, anch’esso presente con  diversi sierotipi. I più comune nel nostro paese, causa di meningite e malattie invasive  sono il C e il B. La vaccinazione contro il meningococco C è disponibile in Italia già da diversi anni e offerta a tutti i nuovi nati nel tredicesimo mese di vita. Poiché la protezione immunitaria conferita tende ad attenuarsi col tempo 
e l’incidenza delle infezione da meningococco continua a essere elevata fino al 25 anni di età, si raccomanda un richiamo intorno ai 12 anni. In quell’occasione si raccomanda di utilizzare il vaccino tetravalente, che protegge dal siero gruppo C e dai gruppi A, Y e W135. Questi ultimi tre sono al  momento poco diffusi in Europa ma, data l’abitudine a viaggiare dei giovani  non si può escludere l’eventualità di un contatto. 


L’arma contro il meningococco B

 

Dal  2014 è  arrivato in Italia anche il vaccino contro il meningococco B, l’ultimo tassello del puzzle per completare la protezione dalle infezioni da meningococco. Il batterio, oggi è responsabile della maggior parte dei casi di meningite e  infezione invasiva da meningococco in Italia. Il nuovo prodotto può essere somministrato  già a 2 mesi di vita  ed occorrono 4 dosi.

Le prime 3 da somministrare a distanza di almeno un mese, 

l’una dall’altra e la quarta 12 – 23 mesi. Ai piccoli dai  5  a 23 mesi servono tre dosi, le prime due a distanza di almeno due mesi una dall’altra e la terza a 12 – 23 dalla seconda.  

Infine, per i bimbi più grandi sono sufficienti due dosi a distanza di almeno due mesi l’una dall’altra

Ti potrebbe interessare:


Morbillo: sintomi, diagnosi e complicanze







 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 43
    MeningiteLa meningite che cos'è?   La meningite è un'infiammazione acuta o cronica delle meningi dell'encefalo (meningite cerebrale), del midollo spinale (meningite spinale) o dell'insieme del complesso encefalo-midollare (meningite cerebro-spinale). Eziologia Batteri: provocano una reazione infiammatoria della sierosa con essudazione contenente polimorfonucleati alterati (meningite purulenta): meningococco, Haemophilus influenzae , pneumococco, streptococco,…
    Tags: meningite, in, per, è
  • 42
    Meningite meningococcica: come avviene il contagio?Definizione   La meningite meningococcica è causata da Neisseria meningitidis, di cui si riconoscono, in base alla struttura antigenica dei polisaccaridi capsulari, 13 diversi sierogruppi. Di questi sierogruppi A,B,C,W135, X,Y possono causare meningite, la meningite meningococcica è epidemica ed endemica nel mondo intero, colpisce soprattutto i bambini e i giovani…
    Tags: meningite, in, è, meningococco, i, per
  • 33
    Suicidio: perché togliersi la vita?Definizione L'atto di darsi la morte in quanto compiuto con deliberata volontà; grave danno o pregiudizio materiale o morale che si reca a sé stessi per sconsideratezza o temerarietà. Il suicidio non appartiene srettamente alla psichiatria; è un comportamento, quindi come tale non è sempre oggetto dell'indagine psicopatologica, nel senso che non…
    Tags: si, in, è, per, non, i, vita
  • 33
    Malattie da raffreddamento          Tosse e mal di gola: rimedi della  nonna               Naso chiuso: cause e rimedi   Rinite allergica Allergie d’inverno: come riconoscerle e prevenirle       Vaccino contro l’influenza chi deve farlo e chi no     
    Tags: contro, vaccino
  • 31
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, si, i, non, per, più, è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serendipity360
Enable Notifications    OK No thanks