Abbronzatura

 



Come resistere al fascino dell’abbronzatura senza arrosarsi o bruciarsi. E’ noto quanto le tintarelle selvagge siano pericolose. 
La ricerca scientifica e la tecnologia sui prodotti solari è sempre 
più all’avanguardia. Un tempo si conoscevano solo gli UVB- raggi responsabili dell’abbronzatura, che rimangono in superficie e provocano le scottature (eritemi solari) e le reazioni allergiche- 
poi sono arrivati gli UVA, i più penetranti che producono danni con il passare del tempo. Gli UVA possono causare, infatti, macchie solari, rossori, pruriti ma anche comparsa di rughe e perdita di tono perché entrano molto in profondità nella pelle. 
Gli UVA sono presenti tutto l’anno, anche nelle giornate nuvolose. Infine, si è passati a studiare e combattere anche gli infrarossi, che trasmettono il calore agli strati superficiali della nostra epidermide, causano i famosi colpi di sole, oltre a generare i radicali liberi in grado di alterare le fibre cutanee accelerando così l’invecchiamento. Sono caratterizzati da una lunghezza d’onda superiore a quella dei raggi ultravioletti e penetrano intensamente. Quindi, se pure prendere il sole fa bene all’umore, è pericoloso per l’epidermide. Indispensabile, dunque, proteggersi efficacemente dalle radiazioni solari. In commercio esistono protezioni altamente tecnologiche, con spettri a 360°, che riparano da tutti i tipi di raggi possibili. 
Ma, per scongiurare il pericolo, non solo la pelle va sempre schermata con una crema protettiva di qualità e adatta al proprio fototipo determinato in base al colore di occhi, capelli e carnagione ma si devono adottare i giusti comportamenti, 
evitando innanzitutto l’esposizione nelle ore più calde della giornata. 




 



Specifici per il viso 












I solari per il viso sono potenziati: oltre a difendere dai raggi ultravioletti di tipo (A e B) offrono riparo dagli infrarossi e dalla luce visibile, responsabile quest’ultima di più della metà dei radicali liberi prodotti durante l’esposizione al sole. Entrambi, infrarossi e luce, riescono a penetrare in profondità nel derma. Quindi il viso, 
la parte più delicata e risposta del corpo, necessità di una protezione specifica perché quella più soggetta alla comparsa di rughe  macchie  e rilassamenti. Nel corso degli anni i solari prodotti per questa zona si sono evoluti, arricchendosi di principi attivi idratanti, antiossidanti e antietà. Di ultima generazione, poi, i solari che oltre a difendere dai raggi ultravioletti hanno anche un’azione make-up, quindi ritoccano le irregolarità dell’incarnato, neutralizza i piccoli difetti, uniforma il colorito; sono molto utili 
per chi ama essere sempre perfetta.



Fototipo e abbronzatura 


 



Bisogna sempre controllare che sulla confezione della crema, 
oltre al fattore di protezione per raggi UVB, ci sia anche quello 
per gli UVA; questo per non incappare in una protezione incompleta e pericolosa per il nostro fisico. E’ bene, inoltre, esaminare l’indice di protezione, SPF (Sun Protection Factor) che istituisce il potere protettivo della scottature, adeguata al proprio fototipo. 
Chi è classificato nella categoria:

  • fototipo I-II con pelle chiara, magari con lentiggini, con occhi azzurri, capelli rossi o biondi è bene che usi un SPF 50 + e solo quando ha un bel colorito può abbassare la guardia con un SPF 
    30-50. 
  •  fototipo III, pelle chiara, con occhi castani, capelli, castani che 
    si scotta moderatamente e si abbronza gradualmente, può usare dopo un primo periodo di SPF 50, un SPF 20-30. 
  • fototipo IV-V, pelle olivastra, occhi e capelli bruni o neri che si abbronza facilmente, rarissimamente si scotta, è indicata almeno 
    un SPF 15-20. 


    Ma, oltre a scegliere la protezione del viso secondo il fototipo, bisogna individuare anche in base al tipo di pelle: chi ce l’ha troppo secca, chi grassa, con le macchie, chi sensibile. Per fortuna in commercio c’è l’imbarazzo della scelta anche fra quelle più economiche. Ormai i solari si ispirano alle creme di ultima generazione per rispondere a tutte le esigenze. Così ci si può abbronzare in sicurezza e trattare nel modo migliore diversi problemi cutanei. Però attenzione, si devono eseguire le corrette modalità di utilizzo che influiscono direttamente sulla reale protezione fornita. Non è il prezzo, quindi, a determinare la qualità del prodotto ma le sue caratteristiche. Non è vero che se è economico non funziona:  ci sono tanti prodotti a costi contenuti sotto i 20euro, che racchiudono i giusti attivi cosmetici per proteggere dall’ invecchiamento prematuro causato dai raggi 
    solari.




    Alimentazione e abbronzatura



















Abbronzatura: rischi e precauzioni




(function() { var lwl = document.createElement('script'); lwl.type = 'text/javascript'; lwl.async = true; lwl.src = '//sd.linkwelove.com/widget/js/lwl.js'; var lwls = document.getElementsByTagName('script')[0]; lwls.parentNode.insertBefore(lwl, lwls); })();

 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 40
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, si, i, non, per, più, è
  • 39
    Difficoltà a respirare e croste nelle narici sono i sintomi del naso chiuso, che i medici definiscono scientificamente  rinite secca.  Da che cosa è provocata e come si può guarire da questo disturbo?    Che cos'è il naso chiuso? Il naso chiuso è un problema molto comune dovuto, nella maggior…
    Tags: si, per, in, è, non, i, nel
  • 34
    Definizione   L'influenza è una malattia virale, contagiosa ed epidemica, caratterizzata da febbre, infiammazioni delle vie respiratorie superiori e complicazioni broncopolmonari più o meno gravi secondo l'epidemia e i soggetti. L'influenza è la settima causa di morte negli Stati Uniti e la terza causa di morte per malattie infettive in…
    Tags: in, è, per, si, i, più, non
  • 34
      Il morbo di Parkinson fu descritto per la prima volta da James Parkinson nel 1817. Il morbo di Parkinson è un disturbo del sistema nervoso centrale caratterizzato principalmente da degenerazione di alcune cellule nervose (neuroni) situate in una zona profonda del cervello denominata sostanza nera. Queste cellule producono un…
    Tags: si, è, in, più, i, può, nel, non
  • 34
                Autostima: fiducia e stima nei propri confronti.   L'autostima è la consapevolezza del proprio valore, della fiducia nelle proprie capacità, non mettere in discussione la propria importanza e stabilire rapporti costruttivi con gli altri. Le persone con alta autostima sono ottimisti, credono  nelle proprie…
    Tags: in, non, per, è, si, i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications    Ok No thanks