free web hit counter

Dolore al gomito

 

 

Gomito

Il gomito è la regione dell’arto superiore in cui si compie l’articolazione tra braccio e avambraccio (cioè tra omero, ulna e radio); la regione posteriore del gomito, l’angolo sporgente che si forma piegando l’avambraccio.

Cause del dolore al gomito

Il gomito è soggetto a traumi e sforzi. Il dolore può essere determinato da  cause tendinee e cause scheletriche, cioè dell’articolazione. Molto frequentemente la principale causa è epicondilite, un processo infiammatorio che colpisce i tendini, patologia comunemente nota come “gomito del tennista. Meno frequente, invece, è la cosiddetta epitrocleite, un’infiammazione dei muscoli dell’epitroclea, nell’area sotto il gomito, che rende dolorosi, e quando è molto grave, anche impossibili alcuni movimenti semplici come ruotare la maniglia della porta,stringere la mano, o utilizzare alcuni strumenti.

Altre cause:

  • artrite
  • borsite

 

 Il gomito del tennista

Si tratta di un disturbo degenerativo di usura dei tendini. Se non curato, peggiora con il passare del tempo. Si tratta di una tipica patologia da eccessivo carico funzionale, anche detta over-use syndrome, una condizione che si verifica in coloro  che compiono sforzi ripetuti del medesimo tipo tra cui sportivi (tennisti, ma anche schermidori, tiratori con la pistola ecc..)

Quali categorie di lavoratori può colpire?

Il dolore al gomito non riguarda soltanto i giocatori di tennis ma anche i lavoratori manuali che fanno movimenti ripetitivi di torsione del gomito, polso e mano e che sovraccaricano i cosiddetti tendini estensori.Per esempio può soffrirne chi utilizza cacciaviti inglesi, i cuochi, i baristi che stanno alla macchina del caffè, gli imbianchini, i muratori. Può colpire anche chi sta molte ore davanti al computer utilizzando tanto il mouse assumendo una postura scorretta.

 

Sintomi

I sintomi principali sono:

  • dolore e limitazione articolare: il paziente non riesce a fare movimenti fondamentali per la vita di relazione, il gomito perde l’estensione e rimane un pò flesso.

 

Cosa fare per diminuire il dolore?

Oltre a sospendere l’attività che ha provocato il dolore, può dare sollievo l’applicazione di una borsa di ghiaccio per 15 minuti diverse volte al giorno. Inoltre è utile indossare un’apposita fascetta di tipo elastico regolabile da posizionare cinque centimetri sotto il gomito che riesce ad evitare la trazione dei tendini.

Diagnosi

Lesame clinico è sufficiente per capire, attraverso i movimenti e la reazione dolorosa del paziente, se si tratta di “gomito del tennista”. Per completare la diagnosi può essere d’aiuto l’ecografia.

 

Terapia

Può essere efficace sottoporre il paziente a un ciclo di infiltrazioni: con una siringa si inietta, e dunque si infiltra, nell’area dolente un anestetico eventualmente accompagnato da un antinfiammatorio o da un cortisonico. Se, i sintomi non migliorano, è necessario l’intervento chirurgico che è risolutivo.

Prevenzione

Sospendere di tanto in tanto, se è possibile, un certo tipo di attività ripetitiva per non sovraffaticare i tendini. Poiché si tratta di una malattia degenerativa, però, molto dipende dal grado del disturbo: se è in stato avanzato, purtroppo non è sufficiente a fare scomparire i sintomi.

 

Ti potrebbero interessare:

 

 

 

 

 


Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 61
                Autostima: fiducia e stima nei propri confronti.   L'autostima è la consapevolezza del proprio valore, della fiducia nelle proprie capacità, non mettere in discussione la propria importanza e stabilire rapporti costruttivi con gli altri. Le persone con alta autostima sono ottimisti, credono  nelle proprie…
    Tags: in, non, per, è, se, si, i
  • 57
    Difficoltà a respirare e croste nelle narici sono i sintomi del naso chiuso, che i medici definiscono scientificamente  rinite secca.  Da che cosa è provocata e come si può guarire da questo disturbo?    Che cos'è il naso chiuso? Il naso chiuso è un problema molto comune dovuto, nella maggior…
    Tags: si, per, in, è, non, i, sintomi
  • 56
    DEFINIZIONE Il dolore pelvico cronico viene definito come un dolore costante o ciclico con durata superiore ai sei mesi, che si localizza alla pelvi anatomica, sufficientemente grave da causare disabilità funzionale che richiede un trattamento medico chirurgico. Mentre il dolore pelvico acuto è sempre sintomo di una malattia, il dolore pelvico…
    Tags: dolore, è, si, in, i, per
  • 56
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, si, i, non, per, è
  • 53
    Definizione   L'influenza è una malattia virale, contagiosa ed epidemica, caratterizzata da febbre, infiammazioni delle vie respiratorie superiori e complicazioni broncopolmonari più o meno gravi secondo l'epidemia e i soggetti. L'influenza è la settima causa di morte negli Stati Uniti e la terza causa di morte per malattie infettive in…
    Tags: in, è, per, si, i, sintomi, non

Rispondi