free web hit counter

Influenza: sintomi, complicazioni e trattamento



L'influenza può portare delle complicazioni a livello polmonarei
Influenza

Definizione

 

L’influenza è una malattia virale, contagiosa ed epidemica, caratterizzata da febbre, infiammazioni delle vie respiratorie superiori e complicazioni broncopolmonari più o meno gravi secondo l’epidemia e i soggetti. L’influenza è la settima causa di morte negli Stati Uniti e la terza causa di morte per malattie infettive in Italia (dopo AIDS, tubercolosi).

 

Eziologia

I virus influenzali appartengono alla famiglia degli Orthomyxovirus. Il loro corredo genetico è costituito da RNA.

Si distinguono due tipi di virus influenzali:

  1. Il virus dell’influenza A: è responsabile di regolari epidemie e l’unico che ha causato pandemia​. I virus dell’influenza infettano anche gli animali domestici (maiali, cavalli, polli, anatre) e alcuni animali selvatici.
  2.  Virus dell’influenza B e C: diversamente da quanto si riteneva, possono infettare oltre all’uomo anche alcuni animali (maiali e foche).

I virus dell’influenza  A e B sono più diffusi del tipo C che è causa di infezioni respiratorie solo nei bambini di età <6 anni, e sono responsabili di una malattia più severa.



Trasmissione del virus influenzale

La trasmissione interumana del virus dell’influenza si può verificare per via aerea attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce,  ma anche per via indiretta attraverso il contatto con le mani contaminate dalle secrezioni respiratorie. La contaminazione delle mani può venire anche per contatto con superfici contaminate. Per questo, una buona igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie può giocare un ruolo nel limitare la diffusione dell’influenza.

E’ buona norma quindi:

  • Lavaggio delle mani (almeno 30-40 secondi) con acqua e sapone, in assenza di acqua lavarsi le mani con gel alcolici.
  • Buona igiene respiratoria (coprire naso e bocca quando si starnutisce o tossisce e buttare subito il fazzoletto monouso, in mancanza di fazzoletto starnutire nella piega del gomito).
  • Non toccare occhi, naso e bocca con le mani.
  • Isolamento volontario a casa di persone con malattie respiratorie , febbrili specie in fase iniziale.
  • Uso di mascherine chirurgiche da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari o luoghi affollati.




Quadro clinico

Il periodo di incubazione è in genere di 2-3 giorni.

I sintomi classici dell’influenza sono:

  • Febbre, di solito a insorgenza improvvisa
  • Mialgie
  • Mal di gola
  • Tosse secca

Possono comparire anche:

I sintomi regrediscono in genere dopo 2-3 giorni dall’esordio.

Anche se la malattia ha di solito un andamento clinico non grave e guarisce spontaneamente in pochi giorni, quadri clinici più severi si possono osservare in età pediatrica e senile, in presenza di morbilità e in soggetti immunocompressi. In alcuni casi si può presentare come una polmonite comunitaria, con:

  • Febbre
  • Tosse secca
  • Infiltrati polmonari bilaterali
  • Ipossiemia
  • Leucopenia.

La polmonite virale è spesso difficile da distinguere dalle polmoniti batteriche, che possono anche essere concomitanti: non esistono criteri clinici che consentano una diagnosi differenziale certa.

 

Complicanze dell’influenza

La complicanza più frequente è la polmonite batterica secondaria. I germi più spesso responsabili sono: Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzaee, altri batteri Gram-. Frequenti riacutizzazioni di malattie croniche polmonari.

Altre complicanze rare ma descritte sono:

  • Miocardite virale
  • Encefalite
  • Sindrome di Reye

E’ descritta nei bambini trattati con aspirina e in occasioni di malattia influenzale, si manifesta con vomito e confusione mentale e di stato di coma. E’ stato descritto qualche raro caso anche nell’adulto per cui l’aspirina non deve essere mai usata in caso di sindrome influenzale. raramente l’influenza è causa diretta di morte. Più importanti, come causa di morte, sono le complicanze batteriche polmonari; (polmonite, riacutizzazione di bronchite cronica ostruttiva) e, malattia ischemica cardiaca.



Terapia

Nella maggior parte dei casi la terapia è sintomatica e prevede l’assunzione di farmaci ad azione analgesica per lenire i dolori (cefalea e dolori osteoarticolari) e ad azione antipiretica per abbassare la febbre. Farmaci antivirali possono essere considerati come ulteriore presidio per il trattamento e la chemioprofilassi dell’influenza. Degli antivirali attualmente in commercio in Italia:
inibitori M2: amantadina;
inibitori della neuraminidasi: oseltamivir e zanamivir.
Sono utilizzati per uso profilattico l’amantadina e l’ oseltamivir. Si deve sottolineare che l’efficacia profilattica dei farmaci antivirali dipende in modo cruciale dal tempo di somministrazione, non deve superare le 48 ore dall’esordio dei sintomi.



Articoli correlati:

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 67
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, si, i, non, per, più, è, malattia
  • 59
    Riflessologia delle mani  Generalità     Come il massaggio plantare, anche il massaggio della mano si basa sul presupposto che alle varie zone del palmo corrispondano, per via riflessa, gli organi e le funzioni di tutto il corpo. La mano, però, a differenza del piede, nel corso dei secoli ha assunto, per tutte…
    Tags: in, è, più, i, si, per, non, mani, delle
  • 58
    Difficoltà a respirare e croste nelle narici sono i sintomi del naso chiuso, che i medici definiscono scientificamente  rinite secca.  Da che cosa è provocata e come si può guarire da questo disturbo?    Che cos'è il naso chiuso? Il naso chiuso è un problema molto comune dovuto, nella maggior…
    Tags: si, per, in, è, non, i, sintomi
  • 57
    Home pageBenvenuti nello spazio dedicato alla salute e al benessere. Troverete articoli rivolti alla  prevenzione e cura delle malattie e del benessere psichico. Una sezione dedicata  alle proprietà delle erbe naturali e  ricette per tutti i gusti.   Stretta di mano: può mettere a repentaglio la nostra salute?      Calcola…
    Tags: in, è, i, per, malattia, si, più, delle
  • 57
    Generalità   Le bronchiectasie (BR) indicano una dilatazione abnorme e persistente dei bronchi. Le bronchiectasie rappresentano la conseguenza della distribuzione dei tessuti (elastico e muscolare) che costituiscono la parete del bronco e sono generalmente provocate da una grave infiammazione, spesso conseguente a un'infezione. Nei bronchi dilatati si accumulano delle secrezioni…
    Tags: in, è, per, possono, delle, si, sintomi, più, i

Rispondi