free web hit counter

Parasonnie


 

 

Le parasonnie non costituiscono anomalie dei processi responsabili del sonno e della veglia, ma sono fenomeni indesiderati, usualmente motori, che si manifestano prevalentemente durante il sonno, in gran parte correlati ad attivazione del SNC. Inizialmente ritenute conseguenza di disturbi psichiatrici, corrispondono in realtà a quadri neurologici clinico-strumentali ben definiti. In funzione dello stato neurofisiologico nel quale tendono più tipicamente a verificarsi, sono comunemente suddivise in:

  • disturbi dell’arousal
  • parasonnie usualmente associate  al sonno REM
  • altre parasonnie.

I disturbi dell’arousal sono manifestazione associate a risvegli parziali e anomali durante il sonno; a tale gruppo  appartengono il:

  • sonnambulismo
  • il terrore nel sonno (pavor nocturnus
  • il risveglio confusionale. 



Le parasonnie REM (disturbo del comportamento in sonno REM), incubi e paralisi nel sonno isolate ricorrenti sono un gruppo omogeneo, in quanto generate da meccanismi patofisiologici connessi al sonno REM e alle strutture mesencefaliche deputati alla regolazione di tale fase. Nel gruppo “altre parasonnie” sono inclusi alcuni disturbi che non riconoscono una stretta relazione cronologica con le fasi del sonno, come  disturbi alimentari relati al sonno, l’enuresi notturna, i disturbi dissociativi allucinatori associati al sonno e la catatrenia.

Le parasonnie possono essere secondarie a cefalea, aritmie cardiache, angina pectoris, asma, discinesie respiratorie, singhiozzo, reflusso gastroesofageo, spasmo esofageo, iperidrosi prurito e altri disturbi del sonno.

Le parasonnie primarie vengono distinte a seconda della fase di sonno in cui si verificano. Per comprendere le parasonnie primarie, è fondamentale ipotizzare che sonno  e veglia non siano invariabilmente e reciprocamente esclusivi e che i diversi fattori che determinano lo stato della veglia, del sonno REM e di quello NREM possono manifestarsi simultaneamente ed oscillare rapidamente. Le parasonnie sono infatti fenomeni clinici che si verificano quando l’encefalo si riorganizza tra i diversi stati  e hanno, pertanto la particolare tendenza a manifestarsi durante i periodi di transizione da uno stato all’altro.



TI POTREBBERO INTERESSARE:

 

Ascesso cerebrale


 

 

 

Sclerosi multipla 

iSclerosi multipla: diagnosi

Sclerosi multipla:sintomatologia

 Sclerosi multipla: trattamento



 

 

 Narcolessia

 

 

 

Demenza: fattori di rischio

 


 

 

Il morbo di Alzheimer


 

 Encefaliti virali


 Rabbia:malattia


Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Rispondi