Sarcoidosi: sintomi, diagnosi e cura


Che cos’è la sarcoidosi?

 

La sarcoidosi è una malattia cronica di cui non si conosce la causa. E’ caratterizzata dalla presenza di granulomi, di accumuli di cellule, nei tessuti degli organi colpiti e dall’alterazione della normale struttura dei tessuti. L’organo che viene più facilmente colpito dalla sarcoidosi è il polmone, tuttavia può coinvolgere qualsiasi parte del corpo e i suoi sintomi possono essere localizzati in uno o più organi o interessare tutto l’organismo.

Eziologia

L’eziologia è ignota: si ritiene che probabilmente in seguito a un’infezione virale si determini una modificazione dei macrofagi a cui segue una reazione autoimmune; un germe causale non è mai stato isolato e l’ipotesi che si trattasse di una forma attenuata di tubercolosi non ha più credito.

Sintomi

Talvolta la sarcoidosi è asintomatica e viene diagnosticata per caso in seguito all’esecuzione di una radiografia dei polmoni. A volte i sintomi possono comparire improvvisamente nell’arco di una o due settimana con:

  • febbre
  • sudorazioni notturne
  • affaticamento
  • perdita di appetito
  • calo dell’appetito

Altre volte i disturbi si manifestano in maniera insidiosa nell’arco di molti mesi.

Sintomi respiratori:

  • mancanza di respiro soprattutto dopo uno sforzo
  • tosse secca (90%)

Il 90% dei pazienti affetti da sarcoidosi presenta alterazioni polmonari che possono essere dimostrate con una radiografia del torace. Una parte dei pazienti va incontro a fibrosi polmonare che può portare a insufficienza respiratoria.

Altri sintomi della sarcoidosi sono:

  • ingrossamento dei linfonodi, sia quelli del torace sia quelli periferici (del collo, dell’ascella , dell’inguine)
  • presenza di particolari eruzioni cutanee
  • danni oculari che talvolta provocano cecità.

La sarcoidosi può interessare  qualsiasi organo, come fegato, milza e/o le ghiandole salivari, ma anche cuore e cervello.Quando colpisce il cuore e/o il cervello aumenta il rischio di complicazioni.

Diagnosi

 

La diagnosi può essere confermata dalla ricerca della sarcoidosi in altre sedi, quali l’uveite e l’osteite cistica delle ossa delle mani, che alla radiografia mostrano piccole aree di decalcificazione. La conferma istologica si ottiene con l’esame di un linfonodo sovraclaveare o mediastinico, che si effettua con una mediastinoscopia. Talvolta la diagnosi è  ottenuta con un’ agobiopsia epatica, oppure con fibrobroncoscopia, lavaggio broncoalveolare e biopsia transbronchiale. L’accertamento istologico è indispensabile per la diagnosi differenziale, con altre linfoadenopatia del mediastino.

Terapia

La terapia è medica: gli immunosoppressori e nelle forme evolutive il cortisone impiegato a cicli e con le dovute precauzioni, riescono in qualche modo a risolvere il processo granulomatoso  che guarisce con sclerosi; se la disseminazione polmonare è diffusa, si può avere una fibrosi irreversibile.

Prognosi

La malattia tende a risolversi spontaneamente nella metà dei pazienti. Se il paziente rimane stabile per più di un anno dopo l’interruzione del trattamento il rischio di recidiva è basso.

 

 diagnosi ottenuta con un ago biopsia epatica, oppure con il fibrobroncoscopio, avanti e bronco alveare biopsia transbronchiale. l’accertamento istologico indispensabile per la diagnosi differenziale con altre linfoadenopatia del mediastino oggi in uomini o con una patina neoplastica. qualche volta in tutto risolvibile solo con la tortora cosa mi esplorativa punta la terapia e medica gli immunosoppressori e nelle forme evolutive il cortisone, impiegato sì che con le dovute precauzioni riescono in qualche modo risolvere il processo granulomatoso, che guarisce con sclerosi. e, se non rispondi Nasone polmonare diffusa, può avere una più grossi per Fibra zucca anche anche le terapie dal modo di fare in un attimo l’ho scritto qualcosa tipo.

 

Ti potrebbero interessare:

 

Fibrosi cistica

Pneumotorace

Bronchite: diagnosi, sintomi e terapia 

Eritema nodoso- Wikipedia 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 52
    Generalità L'embolia polmonare consiste nella migrazione al circolo polmonare di materiale che causa occlusione di una o più arterie polmonari. Gli emboli provengono nella maggior parte dei casi dagli arti inferiori attraverso la vena cava, più raramente dagli arti superiori o dalle cavità cardiache di destra in seguito a infarto…
    Tags: in, polmonare, pazienti, è, terapia, per, non, i, diagnosi
  • 50
             Definizione La vitiligine è un disordine dermatologico che causa la formazione di macchie bianche sulla pelle dovute all'inattivazione della cellula deputata alla produzione di melanina.       Di cosa si tratta?     La malattia colpisce i melanociti, le cellule della pelle che producono la melanina,…
    Tags: in, è, possono, i, essere, si, per, dei, può, più
  • 48
        Definizione La sifilide, o lue, è una delle IST (infezioni sessualmente trasmesse) più antiche e ancora oggi è molto diffusa nel mondo. Diversamente da altre IST batteriche, come la gonorrea, la sifilide  è caratterizzata da una fase acuta primaria, che spesso decorre in maniera del tutto asintomatica, e…
    Tags: è, si, in, può, non, i, essere, più, per, sintomi
  • 46
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, si, i, non, pazienti, per, più, è, dei
  • 45
    Generalità   Le bronchiectasie (BR) indicano una dilatazione abnorme e persistente dei bronchi. Le bronchiectasie rappresentano la conseguenza della distribuzione dei tessuti (elastico e muscolare) che costituiscono la parete del bronco e sono generalmente provocate da una grave infiammazione, spesso conseguente a un'infezione. Nei bronchi dilatati si accumulano delle secrezioni…
    Tags: in, è, per, dei, essere, terapia, possono, si, sintomi, più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serendipity360
Enable Notifications    OK No thanks