Babesiosi: che cos’è e come si trasmette




Che cos’è la babesiosi ?

La babesiosi è una patologia trasmessa da zecche causata da protozoi intraeritrocitari del genere Babesia originariamente descritti da Babes nel 1888 in bovini e ovini. I sintomi di solito esordiscono 1-4 settimane dopo il morso di una zecca infetta, o 1-6 mesi dopo trasfusione con sangue contaminato.

 

Eziologia

 

Diverse specie di protozoi intracellulari del genere babesia provocano delle zoonosi e sono occasionalmente trasmesse all’uomo da zecche dei roditori. La trasmissione per trasfusione sanguigna è possibile. L’infezione si osserva nell’uomo soprattutto in caso di immunodepressione (infezione opportunistica) o di splenectomia.




Babesiosi: manifestazioni cliniche

Circa un quarto delle infezioni da babesiosi microti negli adulti e la metà di quelle osservate nei bambini decorrono in maniera asintomatica. Nei casi sintomatici si osserva la comparsa graduale di febbre (intermittente o continua), malessere generale, astenia, mialgia e cefalea. L’esame obiettivo può mostrare epatosplenomegalia. La forma europea provocata da babesiosi divergens presenta un esordio brusco con febbre elevata (40-41 C), brividi scuotenti, cefalea, mialgie ed emoglobinuria. Il decorso può essere caratterizzato dall’insorgenza di insufficienza multiorgano, responsabile della morte nei pazienti immunocompromessi.

Esami di laboratorio

La diagnosi è confermata dalla ricerca delle forme intraeritrocitarie  del parassita (esame dello striscio, inoculazione in una cavia) e da test sierologici.




Terapia

Per le forme causate da babesiosi microti di gravità lieve-moderata si impiega una combinazione di atovaquone e azitromicina che si è dimostrata di pari efficacia alla terapia con clindamicina e chinina. Quest’ultima combinazione per via parentale viene invece utilizzata nelle forme gravi. Nei pazienti immunocompromessi possono essere necessari cicli terapeutici ripetuti per negativizzare la parassitemia. In presenza di parassitemia elevata (>10%) associata a insufficienza d’organo o emolisi importante può essere necessario ricorrere all’exsanguinotrasfusione.




Ti potrebbero interessare:

 

Febbre bottonosa del Mediterraneo

Chikungunya: che cos’è, sintomi, diagnosi e terapia

Chagas, malattia di

Echinococcosi: come si trasmette, sintomi, terapia

Caratteristiche del Babesia microti trasmesso per trasfusione, Croce Rossa americana 2010-2017




 

 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 70
    Cos'è la varicella? La varicella è una malattia infettiva virale a elevata contagiosità, caratterizzata da eruzione vescicolosa, in genere benigna. La varicella si manifesta con esantema, febbre di modesta entità, faringodinia, tosse secca, cefalea e astemia. L'esantema inizia al volto e al cuoio capelluto e si estende rapidamente a tronco,…
    Tags: è, si, in, può, dopo, delle, essere, sintomi, per, salute
  • 69
    Definizione La febbre tifoide è un' infezione sistemica causata da Salmonella typhi (bacillo di Eberth) che interessa soprattutto il sistema monocito-macrofagico, caratterizzata da febbre, cefalea, disturbi del sensorio, leucopenia e splenomegalia. Epidemiologia La febbre tifoide è una malattia diffusa in tutto il mondo. La malattia è presente soprattutto nei paesi…
    Tags: in, è, febbre, per, si, essere, sintomi, può, salute, malattie
  • 68
    Definizione Il colera è una malattia acuta altamente contagiosa provocata da Vibrio cholerae o vibrione.  Il colera è caratterizzato da diarrea profusa e vomito, che evolve verso la disidratazione ed il collasso circolatorio.​   Eziologia   L'agente patogeno è il vibrione di  Koch o Vibrio cholerae;; si tratta di un…
    Tags: è, in, per, si, delle, terapia, salute, malattie, infettive
  • 68
    Definizione La rosolia è una malattia infettiva virale, caratterizzata da tumefazioni linfoghiandolari retronucali ed esantema maculopapuloso. La rosolia è una malattia pericolosa in gravidanza, il virus riesce ad attraversare la placenta e può così trasmettersi all'embrione o al feto. La rosolia è provocata dal virus a RNA a singola elica…
    Tags: è, si, in, per, salute, malattie, infettive
  • 67
    Definizione L' ascaridiasi è un' infezione da ascaridi caratterizzata da segni polmonari (migrazione di larve e da disturbi gastrointestinali). La trasmissione avviene per via fecale-orale attraverso l'assunzione di acqua e alimenti contaminati da uova mature. L' infestazione da ascaridi è diffusa in tutto il mondo, soprattutto nelle regioni a clima…
    Tags: si, è, per, può, come, delle, salute, malattie, infettive

Rispondi

Enable Notifications    OK No thanks
www.serendipity360.org

GRATIS
VISUALIZZA