Curarsi a tavola: la dieta che aiuta i reni

Indice dei contenuti




Molto meno sale e un bel taglio alle proteine sono le indicazioni raccomandate dagli esperti della Società Italiana di Nefrologia (Sin) per proteggere i reni, quando questi organi sono già sofferenti. Se ne parla poco, ma i problemi renali riguardano ben 13 milioni di italiani e sono in continuo aumento. Per non affaticare troppo gli organi filtro dell’organismo è fondamentale non eccedere con le proteine, ma si stima, invece, che nei paesi occidentali se ne consuma il doppio della quantità consigliata. Poi va limitato l’apporto di sale e di fosforo, riducendo le porzioni di carne,formaggi stagionati e/o conservati e soft drink. Il fosforo è un minerale che, in quantità elevate, può peggiorare lo stato dei reni, soprattutto se hanno già subito dei danni, ma anche aumentare la possibilità di malattie cardiovascolari (una complicanza dei problemi ai reni), perché il fosforo riduce l’effetto dei farmaci che si usano normalmente in queste situazioni.

 

La dieta

E’  raccomandato ai pazienti affetti da patologie renali soprattutto in caso di insufficienza renale di seguire una dieta  a basso contenuto di proteine, sodio e fosforo.





Le proteine 

In presenza di patologie renali occorre ridurre la quantità di proteine soprattutto di origine animale ( carne,pesce,uova, salumi, formaggi e latticini), e in misura minore quelli di origine vegetale (legumi) presenti soprattutto nei secondi piatti, introducendo nella dieta, quando risulta necessario cibi aproteici. L’uso di cibi aproteici permette di sostituire i prodotti a base di cereali, che sono ricchi di proteine non nobili,consentendo di mantenere il consumo di alimenti contenenti proteine ( uova, carne,pesce e latticini). Questi prodotti sono oggi disponibili anche nelle farmacie e nei supermercati 
e permettono di  migliorare il gusto della dieta.

Con questi prodotti infatti è possibile preparare dei piatti anche gustosi, senza dover rinunciare totalmente al piacere del cibo.

Fosforo


I valori del fosforo dovrebbero mantenersi entro 8-10 mg/Kg peso corporeo. Per mantenere il fosforo nei valori consigliati bisogna evitare:

 

  • Insaccati ed affettati
  • Formaggi ad esclusione di ricotta e mozzarella
  • Cioccolato
  • Lievito di birra
  • Frattaglie ( fegatini, cuore, cervello ecc..)
  • Carni grasse: agnello, gallina , anitra , selvaggina ecc..
  • Tuorlo d’uovo
  • Legumi secchi
  • Frutta secca
  • Gamberi
  • Farine
  • Crusca

Possono essere assunti liberamente frutta e verdure fresche, patate, marmellata, zucchero, miele, olio e burro.Per limitare ancora la quantità di fosforo, si consiglia di tenere gli alimenti in frigo per 8-10 ore e di farli bollire in abbondante acqua da cambiare a metà cottura

Calorie

L’apporto calorico deve essere di circa 35 Kcal per Kg ( riferito al peso ideale di una persona) al giorno in soggetti con età inferiore a 60 anni e di 30 Kcal in soggetti con età uguale o superiore a 60 anni. Sotto questi valori al lungo termine aumenta il rischio di malnutrizione.

Sodio

E’ buona regola ridurre  la quantità di sale alle pietanze durante la preparazione e limitare l’uso di quelle che già ne contengono naturalmente abbastanza come:

 

  • Alimenti in scatola o sotto sale ( capperi, olive, carni e pesce in scatola)
  • Margarina, maionese, senape e altre salse
  • Snack salati ( patatine, noccioline ec..)
  • Dadi per brodo

Come prevenire le malattie renali?


Mantenersi in forma e fare attività fisica; l’attività fisica regolare aiuta a controllare la pressione arteriosa che può essere causa o conseguenza di una malattia renale, per tale motivo è molto importante riportare la pressione arteriosa a livelli normali ( quando è possibile, altrimenti integrare con i farmaci prescritti dal medico) 
attraverso uno stile di vita corretto e accompagnato da attività fisica, anche semplicemente con delle abitudini quotidiane come camminare  Dimagrire camminando Dimagrire camminandoDimagrire camminando, fare le scale piuttosto 
che prendere l’ascensore, andare in bicicletta oppure trovare degli hobby ( ballare) che  favoriscano il movimento ( Attività fisica e sedentarietà). Tutte le attività descritte sono anche a costo basso o a costo zero. Bastano un paio di scarpe e una dose di buona volontà.

Controllare regolarmente la glicemia:

Circa la metà delle persone con malattia renale hanno il diabete. E’ importante controllare la 
glicemia con regolarità e mantenerla nei limiti giusti.




Mangiare sano e controllare il peso:

 

Privilegiare una dieta a base di cibi vegetali, come la dieta mediterranea, riduce l’acidità dell’urina con  un conseguente 
minor carico di lavoro per il rene.

Si possono adottare alcune semplici regole:

 

  • Consumare frutta e verdura, alimenti che 
    contengono poche calorie e  sono ricchi di vitamine 
    antiossidanti.
  • Consumare cereali, pasta, riso, farina di mais, biscotti, meglio se integrali.
  • Propendere per una cucina semplice, condire la pasta con sughi alle verdure ( piselli, pomodoro fresco, carciofi..)
  • Consumare pane non  salato, biscotti semplici, torta di mele, torta al limone ecc..
  • Minestre  di legumi conditi con olio extra vergine di oliva.

Come detto sopra, noi consumiamo il doppio delle proteine di cui avremmo realmente bisogno. Ridurre il consumo di alimenti di origine animale e in particolare, carne, affettati, 
formaggi..si può optare per un piatto unico per es. verdure ripiene, pasta o riso conditi con il pesce..

Gli animali si nutrono, l’uomo mangia e 
solo l’uomo intelligente sa mangiare.
(Jean Anthelme Brillat-Savarin)

 

.

 

 
 

 

(Visited 76 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 40
    Definizione   La niacina (vitamina pp o B3) non può essere considerata una vitamina in senso stretto poiché l'organismo è in grado di sintetizzarla a partire dal triptofano. Tuttavia, la trasformazione del triptofano in niacina è relativamente poco efficiente (60 mg di triptofano sono necessari per ottenere 1 mg di…
    Tags: è, in, si, alimenti, dieta, i
  • 39
    Il crudismo rientra tra le diete alimentari che prevedono il rifiuto di qualsiasi trattamento di cottura dei cibi, la temperatura massima non può superare i 42°. Mangiare cibi non cotti non è certo cosa nuova, già prima della scoperta del fuoco , tutti ciò che la natura offriva veniva consumato…
    Tags: per, i, non, è, dei, si, come, in, dieta
  • 39
    Quanta ricchezza nella cucina povera    Mangiare sano costa troppo? No, se sai come farlo. Con le giuste informazioni di educazione alimentare, ingredienti ricchi di proteine vegetali e molta fantasia si può avere una dieta sana ed equilibrata a costi contenuti. Si sente spesso dire che mangiare sano costi troppo. In realtà, la dieta…
    Tags: in, per, è, si, i, se, dieta, non, come
  • 37
    Finito l'inverno e quando i cappotti vanno in soffitta, ci si scopre sempre meno in forma di quanto vorremmo. Fortunatamente ancora siamo in tempo a correre ai ripari e ad agire contro gli effetti dell'inverno uscente. Gli appelli che il nostro corpo ci lancia sono innegabili, e l'intorpidimento generale post-inverno è proprio…
    Tags: per, in, è, non, si, attività, fisica
  • 37
    Carcinoma renaleDefinizione di carcinoma renale   Nel rene si sviluppano sia tumori benigni che maligni. Con l'eccezione dell' oncocitoma, raramente neoplasie benigne causano problemi clinici. Oltre 80% dei tumori renali maligni è rappresentata da carcinomi a cellule renali. Il rimanente 20% comprende carcinomi a cellule transizionali che  originano nella pelvi e…
    Tags: è, i, in, dei, renali, si, reni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Enable Notifications    OK No thanks