Neurocisticercosi



Parassitosi cerebrale: un verme può renderti Zombie? - Il Corpo Umano

Definizione

La neurocisticercosi è causata dallo stadio larvale della tenia di maiale Taenia solium, e viene trasmessa per ingestione di alimenti contaminati con uova di parassita, generalmente presenti nelle feci di un portatore umano. Dopo l’ingestione, gli embrioni (oncosfere), si schiudono nell’intestino tenue, invadono la parete intestinale e si diffondono per via ematogena a cervello, muscolo scheletrico, fegato e/o altri tessuti. Durante un periodo di 3-8 settimane si sviluppano i cisticerchi, che consistono di pareti membranose ripiene di liquido e di uno scolice invaginato. Localizzate nel cervello provocano la neurocisticercosi, le altre la cisticercosi extraneurale.

 



Incubazione e sintomi

Il periodo di incubazione mediano prima dell’inizio dei sintomi è di 3 anni e mezzo.

Le principali manifestazioni cliniche della neurocisticercosi sono:

  • Convulsioni
  • Idrocefalo ostruttivo
  • Segni e sintomi di ipertensione endocranica (cefalea, nausea, vomito, alterazioni del visus, confusione).

 

Diagnosi

La diagnosi di cisticercosi  deve essere sospettata in pazienti con segni e sintomi suggestivi e reperti neuroradiologici compatibili (lesioni cistiche, lesioni ad impregnazione constrastografica e/o lesioni calcifiche) nel contesto epidemiologico adeguato.



Trattamento

L’approccio iniziale ai pazienti con neurocisticercosi consiste nella gestione dei sintomi, se presenti, come quelli dovuti a ipertensione endocranica e le convulsioni. Successivamente, può essere iniziata la terapia antiparassitaria (albendazolo con o senza praziquantel per 10-14 giorni di solitamente) nei pazienti con cisti cerebrali vitali e/o in fase di degenerazione e deve essere sempre combinata con la terapia corticosteroidea sistemica ad alte dosi per tutta la durata del trattamento. La terapia antiparassitaria non deve essere somministrata a pazienti con idrocefalo non trattato,encefalite o lesioni calcifiche.



 

Ti potrebbero interessare:

 

 



Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 58
        Definizione La sifilide, o lue, è una delle IST (infezioni sessualmente trasmesse) più antiche e ancora oggi è molto diffusa nel mondo. Diversamente da altre IST batteriche, come la gonorrea, la sifilide  è caratterizzata da una fase acuta primaria, che spesso decorre in maniera del tutto asintomatica, e…
    Tags: è, si, in, può, non, fase, i, essere, per, sintomi
  • 48
             Definizione La vitiligine è un disordine dermatologico che causa la formazione di macchie bianche sulla pelle dovute all'inattivazione della cellula deputata alla produzione di melanina.       Di cosa si tratta?     La malattia colpisce i melanociti, le cellule della pelle che producono la melanina,…
    Tags: in, è, i, essere, si, per, dei, come, può, anni
  • 46
    Tetano: sintomi, incubazione e trattamentoDescrizione Il tetano è una grave malattia del sistema nervoso centrale caratterizzata principalmente da spasmi muscolari e gravata da una notevole mortalità, causata dalla neurotossina prodotta da un bacillo Gram+ aerobico, sporigeno, denominato Clostridium tetani. La neurotossina  viene prodotta in condizioni di anaerobiosi dalle forme vegetative del bacillo, quando queste…
    Tags: in, è, trattamento, per, dei, incubazione, sintomi
  • 43
      Generalità La pertosse è una malattia infettiva acuta, contagiosa, diffusiva, di origine batterica che colpisce l'apparato respiratorio ed è conosciuta come tosse convulsa o canina. E' caratterizzata da accessi di tosse  spasmodica accompagnata da un urlo inspiratorio​. La pertosse colpisce prevalentemente i bambini nei primi  5 anni di vita…
    Tags: è, in, per, i, si, può, essere, fase, sintomi, trattamento
  • 43
    Non è difficile sentire questa frase tra i bambini, soprattutto  in età scolare quando impegni, compiti, problemi, tensioni  emotive, stress psicofisico fanno da autentici detonatori di  questo problema.  Ecco come aiutare i nostri piccoli    Definiamo il mal di testa   Con il termine cefalea identifichiamo un dolore a carico…
    Tags: in, è, cefalea, i, testa, per, non, si, mal

Rispondi

Enable Notifications    Ok No thanks