free web hit counter

Beta-bloccanti



Meccanismi d’azione dei beta-bloccanti

I beta-bloccanti sono farmaci che bloccano i recettori adrenergici beta:

Beta-1

Sono recettori presenti a livello cardiaco, la cui inibizione ha un effetto inotropo e cronotropo negativo.

Beta-2

Sono recettori presenti soprattutto a livello vascolare e bronchiale la cui inibizione provoca broncocostrizione.

 

Classificazione (inibizione recettori beta-1)

Beta-bloccanti cardioselettivi.

  • es. metoprololo, atenololo, bisoprololo.

Sono utilizzati per trattare l’ipertensione, l’insufficienza cardiaca, l’angina, l’infarto del miocardio.

Beta-bloccanti non cardioselettivi (inibizione recettori beta-1 e beta-2)

  • Es. propranololo, sotalolo, pindololo.

Sono utilizzati per trattare l’ipertensione, l’angina, le aritmie.

Beta-bloccanti con effetto vasodilatatore associato.

Antagonisti beta e alfa-1

  • Carvedilolo, labetalolo.

Antagonisti beta-1 e agonisti beta-2

  • Bisoprololo

Beta-bloccanti con attività simpatico-mimetica intrinseca associata.

  • Pindololo, alprenololo, acebutololo, oxprenololo.

Si tratta di farmaci con attività beta agonista debole e quindi inibiscono l’azione di agonisti più potenti. Non diminuiscono molto la frequenza cardiaca a riposo, ma impediscono che aumenti con l’esercizio.

Beta-bloccanti che prolungano l’intervallo QT.

  • Sotalolo

Beta-bloccanti con emivita corta.

  • Esmololo

 



 

Indicazioni 

Insufficienza cardiaca dovuta a disfunzione diastolica, come nel caso della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.

Scompenso cardiaco

I beta-bloccanti inibiscono lo stato iper-catecolaminergico tipico di questa condizione, che è responsabile della destrutturazione delle fibre cardiache e del rimodellamento miocardico. E’ stato dimostrato che aumentano la sopravvivenza nei pazienti con insufficienza cardiaca sistolica, quindi devono sempre essere somministrati in questo contesto se il paziente li tollera. Si consiglia di introdurli nel momento in cui il paziente è stabile emodinamicamente ed euvolemico, e di iniziare con una dose bassa, aumentandola gradualmente. I beta-bloccanti che hanno dimostrato di migliorare la sopravvivenza nei pazienti con insufficienza cardiaca sono: carvedilolo metropolo, bisoprololo e nebivololo.

Cardiopatia ischemica

Sono indicati nel trattamento dell’angina pectoris perché limitano il consumo di ossigeno riducendo la frequenza cardiaca e la contrattilità miocardica. Fanno inoltre parte del trattamento precoce nell’infarto miocardico non complicato, visto che è in tale contesto hanno dimostrato di ridurre la mortalità, l’incidenza di morte improvvisa e in alcuni casi il reinfarto.

Ipertensione arteriosa

I beta-bloccanti non selettivi sono indicati in situazioni internistiche in cui è  necessario un effetto “down” sistemico, ossia: ipertiroidismo, tremore essenziale, dissezione aortica, profilassi dell’emicrania, ecc..

 



 

Ti potrebbero interessare:

 



 

 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 38
                Autostima: fiducia e stima nei propri confronti.   L'autostima è la consapevolezza del proprio valore, della fiducia nelle proprie capacità, non mettere in discussione la propria importanza e stabilire rapporti costruttivi con gli altri. Le persone con alta autostima sono ottimisti, credono  nelle proprie…
    Tags: in, non, è, i
  • 38
    DESCRIZIONE   Il morbo di Alzheimer venne descritto per la prima volta nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, che riconobbe in questa malattia una precisa patologia riscontrata in alcuni pazienti. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria; inizialmente viene danneggiata la memoria a breve termine…
    Tags: in, i, non, è
  • 38
      Definizione L'insufficienza mitralica viene definita come la chiusura inadeguata della valvola mitrale che determina rigurgito nell'atrio sinistro; è la seconda valvulopatia per frequenza, dopo la stenosi aortica. L'insufficienza mitralica può essere organica, quando è dovuta a un'alterazione di una delle strutture dell'apparato valvolare (anulus, lembi valvolari, corde tendinee e…
    Tags: in, è, insufficienza, i, cardiaca, nel
  • 37
    I i numeri che riguardano la malattia di Alzheimer o comunque lo sviluppo della demenza  nella vecchiaia sono impressionanti: la problematica, infatti, riguarda oggi 47 mil...
    Tags: i, non, è, nel
  • 36
    Difficoltà a respirare e croste nelle narici sono i sintomi del naso chiuso, che i medici definiscono scientificamente  rinite secca.  Da che cosa è provocata e come si può guarire da questo disturbo?    Che cos'è il naso chiuso? Il naso chiuso è un problema molto comune dovuto, nella maggior…
    Tags: in, è, non, i, nel

Rispondi