Ingestione di sostanze caustiche

 L'ingestione di sostanze caustiche determina una sin- drome complessa, caratterizzata da lesioni viscerali, spesso severe, L'ingestione di sostanze caustiche è di solito e accidentale nei bambini. L'ingestione di sostanze caustiche negli adulti avviene generalmente a scopo suicida. L'ingestione di sostanze caustiche può provocare lesioni esofagee particolarmente gravi quali la necrosi. L'ingestione di sostanze caustiche ha come sintomo principale il dolore

Cosa succede se si ingeriscono sostanze caustiche ?

L’ingestione di sostanze caustiche in forma solida o liquida è accidentale nei bambini. In età adulta l’ingestione è complessivamente meno frequente, prevalentemente, a scopo autolesivo ed interessa principalmente pazienti con disturbi della personalità (depressi, psicotici, ritardati mentali, alcolisti).Gli agenti chimici più comunemente ingeriti sono i caustici alcalini e acidi (con pH >12 (alcale forte) o pH < 2 (acido forte). Il coinvolgimento esofageo e gastrico può essere di tipo segmentario o totale. Il grado e il tipo di lesione dipendono dalla natura della sostanza ingerita, dalla sua concentrazione, dall’intensità e dalla durata di azione, legate questi ultimi al suo arresto a vari livelli nel tubo esofageo. Nelle lesioni particolarmente gravi la necrosi può estendersi in profondità alla parete tracheale, comportando lo sviluppo di una fistola esofagotracheale , se non diagnosticata precocemente tempestivamente trattata, comporta una mortalità elevatissima.




Ingestione sostanze caustiche: valutazione clinica e strumentale

Deve essere accertata, con l’ausilio di parenti e amici, la natura dell’ agente chimico ingerito. In seguito all’ingestione il dolore è il sintomo preminente. I sintomi  insorgono immediatamente: dolore retrosternale o epigastrico, nausea, vomito e sanguinamento a livello del cavo orale, della faringe e dello stomaco.  Raucedine, stridore, dispnea,  sono sintomi di edema laringeo. L’esame obiettivo del torace e dell’addome così come l’esame radiologico diretto del torace e dell’addome devono cogliere ogni segno indicativo di una perforazione del mediastino e del peritoneo. L’endoscopia a fibre ottiche o la videoendoscopia, con strumenti flessibili, di calibro ridotto e canale operatore relativamente ampio, quali gli strumenti pediatrici, è considerata in mani esperte una procedura assolutamente sicura. Può giocare un ruolo importante nella fase acuta per la valutazione dell’entità del danno dopo ingestione di un liquido caustico. Al momento del ricovero si deve provvedere un’attenta valutazione endoscopica dell’orofaringe, dell’esofago e dello stomaco. Talora è necessario provvedere alla ripetizione dell’esame anche a distanza di poche ore.

Le classificazioni endoscopiche riconoscono abitualmente tre gradi di lesioni:

Grado I: iperemia/edema

GradoII: erosione/ulcere

Grado IIIA: necrosi /focale

Grado III B: necrosi diffusa.

 




 

Ingestione di sostanze caustiche: terapia

È importante nelle prime ore evitare manovre azzardate quali indurre il vomito o effettuare gastrolusi ( lavanda gastrica), per non aggravare le lesioni o indurre perforazioni. Nel caso di ingestione in assenza di sintomatologia risultano fondamentali: un’attenta anamnesi, l’identificazione della sostanza ingerita e l’esecuzione degli esami ematochimici. Il trattamento nella fase precoce consiste nel fornire una terapia di supporto con somministrazione per via parenterale di liquidi, antibiotici  e steroidi. Una tracheotomia d’urgenza deve essere seguita qualora si riscontra una progressiva ostruzione delle vie aeree superiori. In base alla gravità delle lesioni vengono somministrati farmaci antiacidi in associazione o meno a corticosteroidi. Questi pazienti vengono tenuti a digiuno in regime di nutrizione parenterale totale fino alla stabilizzazione delle lesioni. Se si conferma la presenza di necrosi e perforazioni vengono sottoposti a intervento chirurgico. In base al grado delle lesioni endoscopiche si va a dall’osservazione la terapia conservativa sino a quella intensiva.




Ti potrebbero interessare:

 


Bella donna latina seduta in bagno affetta da anoressia bulimia sentendosi disperatamente triste e colpevole di disturbi alimentari e concetto di gravidanza malata. - Foto stock royalty-free di Ubriaco

Vomito


La sindrome di Mallory Weiss è una lacerazione esofagea che può essere causata da vomito incoercibile. La sindrome di Mallory-Weiss è caratterizzata da conati di vomito, disfagia e dolore urente a localizzazione di gastrica o retrosternale. La sindrome di Mallory-Weiss viene diagnosticata attraverso un esame endoscopico. La sindrome di Mallory Weiss si presenta, più frequentemente, in soggetti di sesso maschile.

Sindrome di Mallory-Weiss


Close up Woman have a coughing up blood hands holding tissue paper

Emottisi


Alcolismo

 


LESIONI DA CAUSTICI
GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA
NEL DEA

(Visited 64 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 49
    Definizione  La neurocisticercosi è causata dallo stadio larvale della tenia di maiale Taenia solium, e viene trasmessa per ingestione di alimenti contaminati con uova di parassita, generalmente presenti nelle feci di un portatore umano. Dopo l'ingestione, gli embrioni (oncosfere), si schiudono nell'intestino tenue, invadono la parete intestinale e si diffondono…
    Tags: lesioni, essere, per, terapia, si, nel, in, è, può, se
  • 47
    Allergia: che cos'è e quali sono i sintomiChe cos'è l'allergia? L'allergia è provocata da un un'abnorme attività del sistema immunitario nei confronti di antigeni (allergeni) naturali, solitamente glicoproteine, oppure molecole sintetiche (farmaci e altre sostanze chimiche di vario uso), innocui per i soggetti sani, a cui l'organismo viene esposto con diverse modalità: per inalazione, ingestione,  inoculazione, contatto…
    Tags: è, in, si, per, i, salute, delle, l, sostanze
  • 43
    Che cos'è limpetigine? L'impetigine è un'infezione batterica dell'epidermide altamente contagiosa che può instaurarsi come infezione primaria oppure come infezione secondaria di dermatosi preesistenti (infezione secondaria o impetiginizzazione) come scabbia, pediculosi, lesioni eczematose o di traumi infettanti (rasoio, pettine, eccetera). L'impetigine è causata dallo Staphylococcus aureuso o dallo Streptococcus pyogenes  β-emolitico…
    Tags: è, si, essere, può, salute, per, in, lesioni, se
  • 43
    La prostata è una ghiandola che fa parte dell’apparato uro-genitale maschile. Si trova sotto la vescica e circonda l’uretra. Per la forma e le dimensioni ricorda una castagna (pesa circa 20 g), con una lunghezza di 3 cm, una larghezza di 4, uno spessore di 25 mm, ma con il…
    Tags: è, in, può, i, si, per, l, salute
  • 41
      La distorsione al ginocchio è la conseguenza di un trauma o di un movimento brusco e anomalo dell'articolazione del ginocchio che causa quella che in gergo medico viene chiamata " perdita temporanea dei rapporti articolari", cioè una situazione in cui i capi articolari che permettono di stendere e di…
    Tags: in, è, per, può, si, nel, dalla, se, essere, i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enable Notifications OK No thanks