free web hit counter

Linfoma follicolare

 

 

Il linfoma (Follicular Lymphoma, FL) costituisce circa il 30% dei linfoma non-Hodgkin e comprende un gruppo di neoplasie che originano dalle cellule B del centro germinativo. Il linfoma follicolare viene inquadrato al livello istopatologico in base al modello di crescita, nodulare, (follicolare, appunto) o diffuso. 



Epidemiologia

 

Il linfoma follicolare è in termini di prevalenza la seconda più frequente neoplasia linfoproliferativa del mondo occidentale, rappresentando circa il 20% di tutti i linfomi non-Hodgkin ed almeno il 70% delle forme indolenti. La sua incidenza ha mostrato un rapido incremento negli ultimi 10 anni da 2-3 casi su 100.000 abitanti negli anni. Il linfoma follicolare interessa principalmente individui adulti nella sesta decade di vita, con una lievissima preponderanza del sesso femminile. Raramente la neoplasia colpisce pazienti giovani.


Eziopatologia del linfoma follicolare

 

Non è nota l’eziologia, sebbene possa essere postulata un’associazione con l’esposizione di alcuni agenti carcinogeni ambientali (pesticidi, fumo di sigaretta), con agenti virali (virus di Epstein-Barr, harpes virusHHV8)  o con stati di immunodeficienza primitiva o acquisita. Aspetto caratteristico della patologia è la presenza del riarrangiamento del gene BCL2, che codifica per una proteina con funzione antiapoptotica, dato che peraltro si riscontra fisiologicamente nelle cellule B di memoria nell’individuo adulto e la cui prevalenza tende ad aumentare con l’età. Lo svilupparsi di una seconda alterazione genica (hit) accanto alla presenza del riarrangiamento del BCL2 si suppone possa determinare la trasformazione in senso neoplastico della normale popolazione linfocitaria del centro germinativo, da un lato sostenuta da uno stimolo proliferativo di natura antigenica, dall’altro non contrastata per via della perdita del segnale pro-apoptotico.



Manifestazioni cliniche

Al momento della diagnosi la maggior parte dei pazienti si presenta con una malattia diffusa a molteplici sedi linfonodali, prevalentemente in assenza di una sintomatologia specificamente linfoma correlata. I linfonodi maggiormente interessati dalla neoplasia sono quelli delle stazioni superficiali, del mediastino e del retroperitoneo; spesso sono riscontrabili masse adenopatiche addominali di grandi dimensioni (bulky). Il linfoma follicolare si presenta al III o IV stadio secondo Anna Harbor in almeno il 60% dei casi.


Diagnosi

La diagnosi è posta all’esame istologico e immunoistochimico di uno  più linfonodi dotati di caratteristiche cliniche sospette ed escissi chirurgicamente. In alternativa, in presenza di adenopatie profonde o difficili da raggiungere, può essere preso in esame un approccio agobioptico. La stadiazione -la cui accuratezza risulta di fondamentale importanza per poter pianificare un adeguato trattamento- viene eseguita attraverso la TC (tomografia computerizzata) di collo, torace, addome e pelvi, con mezzo di contrasto, eventualmente affiancata alla tomografia per emittenti di positroni (PET) con fluorodeossiglucosio (FDG). La PET può talora mettere in luce ipermetabolismo non immediatamente evidenti alla TC rappresentando inoltre uno strumento attraverso il quale stabilire il grado di risposta della malattia all’eventuale terapia messo in atto. La biopsia osteomidollare è sempre richiesta per completare la stadiazione.


Prognosi

 

La sopravvivenza mediana è di circa 10 anni, ma la gamma è ampia, da meno di un anno a più di 20 anni. Alcuni pazienti possono non necessitare mai di trattamento. Il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni è del 72-77%. Il linfoma follicolare è attualmente considerata una patologia e raramente guaribile, spesso favorevolmente responsiva alla prima linea di trattamento, ma clinicamente caratterizzata dalle ricadute successive subentranti. La sopravvivenza globale si misura in anni, in maniera differente sulla base di parametri clinico-laboratoristici che entrando a far parte di modelli prognostici, codificati nel corso dell’ultimo decennio consentono di specificare i pazienti in funzione della prognosi.

 

Terapia

Se il linfoma è localizzato, deve essere trattato con la radioterapia. Nei linfomi avanzati, è indicata l’immunochemioterapia (rituximab con CHOP). Nel caso di recidive chemiosensibili, il trattamento deve essere intensificato. 



Articoli correlati:

 

 

Linfoma mantellare 

LEGGI ARTICOLO


 

Il linfoma primitivo del mediastino si presenta come una massa nella parte anteriore del mediastino

Linfoma a grandi cellule B primitivo del mediastino

LEGGI ARTICOLO


 

 

Linfoma B diffuso a grandi cellule (DLBCL)

LEGGI ARTICOLO


 

il Linfoma di Burkitt [ il primo tumore umano associato ad un virus

Linfoma di Burkitt 

LEGGI ARTICOLO


Linfomi, per guarirli si punta sull’immunoterapia

LEGGI ARTICOLO


 

Get Free Email Updates!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Related Posts

  • 58
      I linfomi  non-Hodgkin (LNH) sono tumori clonali B dei linfociti B, T e natural killer (NK), i quali possono insorgere sia in linfociti immaturi o precursori, sia in linfociti maturi o periferici. I linfomi B e T linfocitari tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche, fenotipiche e, talora funzionali della…
    Tags: linfoma, b, è, in, per, non-hodgkin
  • 53
        Linfomi non-Hodgkin    Linfoma di Burkitt    Linfoma B diffuso a grandi cellule (DLBCL)    Linfoma a grandi cellule B primitivo del mediastino    Linfoma mantellare    Linfoma follicolare    Linfoma gastrico    Sindrome ipereosinofila    Trombocitemia essenziale  Emoglobinuria parossistica notturna (EPN)      Agranulocitosi: cause, sintomi, terapia …
    Tags: linfoma, b, cellule, non-hodgkin, follicolare
  • 49
      Il linfoma mantellare (Mantle-cell-lynphoma-MCL) è una neoplasia ematologica relativamente rara, rappresentando circa il 6% di tutti i linfomi non Hodgkin con un'incidenza di circa 300 nuovi casi diagnosticati in Italia ogni anno. L'età di insorgenza del linfoma mantellare è 65 anni con un rapporto M:F da 3 a 4:1.…
    Tags: in, linfoma, è, si, leggi, articolo, pazienti, anni, cellule, trattamento
  • 46
        Il linfoma B diffuso a grandi cellule (DLBCL) (diffuse large B cell lymphoma), rappresenta il 30% di tutti i linfomi non-Hodgkin nell'adulto e il tasso di incidenza è in costante incremento. Il linfoma B diffuso a grandi cellule può esordire a qualsiasi età, sebbene sia più frequente nell'età…
    Tags: è, linfoma, cellule, per, b, si, non, pazienti
  • 42
    Generalità Il linfoma di Burkitt (LB) è una neoplasia dei linfociti  ß, altamente aggressivo in quanto il tempo di raddoppiamento cellulare è estremamente breve (24-48 ore). E' il primo tumore umano che è stato associato ad un virus ed è stato inoltre uno dei primi tumori in cui si è…
    Tags: è, in, linfoma

Rispondi