Serendipity360

Abbi cura del tuo corpo

Salute della pelle

Piaghe da decubito: fattori di rischio e sintomi

Please follow and like us:
Pin Share

Cosa sono le piaghe da decubito?

Le piaghe da decubito, anche conosciute come ulcere da pressione o ulcere cutanee, sono lesioni della pelle e dei tessuti sottostanti che si verificano a causa della pressione costante o della frizione su specifiche aree del corpo. Queste lesioni si sviluppano tipicamente nelle zone in cui le ossa sono più vicine alla superficie cutanea, come talloni, gomiti, anche, sacro e parte posteriore della testa, quando una persona rimane immobile per lunghi periodi di tempo.
Le piaghe da decubito possono causare dolore, disagio e complicazioni gravi se non trattate adeguatamente. È importante prevenire la formazione di piaghe da decubito mantenendo la pelle pulita, asciutta e ben idratata, cambiando regolarmente la posizione del corpo per ridurre la pressione sulle aree vulnerabili e utilizzando dispositivi di supporto come cuscini anti-decubito.
Il trattamento delle piaghe da decubito varia a seconda della gravità e della profondità della lesione e può includere la pulizia delle ferite, la rimozione del tessuto necrotico, la medicazione adeguata, la terapia compressiva e altre misure per favorire la guarigione delle lesioni e prevenire complicazioni.

Cause

Sono spesso causate da una posizione statica prolungata del soggetto. Quando una persona rimane immobile per lunghi periodi di tempo in una determinata posizione, la pressione costante esercitata su specifiche aree del corpo può ridurre il flusso sanguigno e causare danni ai tessuti e alla pelle. Le aree più soggette alla formazione di piaghe da decubito sono quelle in cui le ossa sono più vicine alla superficie cutanea, come talloni, gomiti, anche, sacro e parte posteriore della testa.

 

Prevenire le piaghe da decubito

La prevenzione è fondamentale per evitare le piaghe da decubito, soprattutto per le persone a rischio.

Ecco alcuni consigli pratici:

Cambi di posizione:

  • Cambiare la posizione almeno ogni due ore se si è costretti a letto.
  • Assumere posizioni che riducono la pressione sulle aree a rischio, come ossa sporgenti e coccige.
  • Utilizzare cuscini e supporti per mantenere una postura corretta sia a letto che in carrozzina.
  • Incoraggiare l’autonomia nei cambi di posizione.

Cura della pelle:

  • Ispezionare la pelle due volte al giorno per arrossamenti, screpolature o altri segni di irritazione.
  • Pulire la pelle delicatamente con acqua e sapone neutro, asciugando accuratamente.
  • Applicare una crema idratante per mantenere la pelle morbida e idratata.
  • Proteggere la pelle da sfregamento e umidità.

Alimentazione e idratazione:

  • Assumere una dieta sana e bilanciata ricca di proteine, vitamine e minerali.
  • Bere molta acqua per mantenere la pelle idratata.
  • Evitare cibi e bevande che possono disidratare la pelle, come alcol e caffè.

Altri consigli:

  • Usare materassi e cuscini antidecubito specifici per la prevenzione delle piaghe.
  • Indossare abiti comodi e non troppo stretti.
  • Mantenere le lenzuola asciutte e senza pieghe.
  • Non fumare.
  • Se si hanno dubbi o preoccupazioni, consultare un medico o un infermiere.

Esistono diversi strumenti e ausili che possono aiutare a prevenire le piaghe da decubito, tra cui:

  • Cuscini in gel o in memory foam
  • Materassi antidecubito a pressione alternata
  • Protezioni per talloni e caviglie
  • Rulli e supporti per la schiena

Con un impegno costante e l’utilizzo di adeguate misure preventive, è possibile ridurre significativamente il rischio di sviluppare piaghe da decubito.

Ricorda: la prevenzione è la chiave per proteggere la pelle e migliorare la qualità della vita.

Sintomi delle piaghe da decubito

Le piaghe da decubito si sviluppano in modo graduale e i sintomi variano a seconda della gravità della lesione.

Ecco i principali sintomi da non sottovalutare:

Fase 1:

Arrossamento della pelle: l’area interessata appare arrossata e calda al tatto. Il rossore non scompare quando si preme sulla pelle.

Indurimento: la pelle può diventare dura e ispessita.

Dolore o sensibilità: l’area potrebbe essere dolorante o sensibile al tatto.

Fase 2:

Formazione di vesciche: si possono formare vesciche piene di liquido sulla pelle.

Rottura della pelle:lLe vesciche possono rompersi e lasciare una ferita aperta.

Dolore: il dolore può essere più intenso rispetto alla fase 1.

Fase 3:

Piaga profonda: la ferita si approfondisce e raggiunge il grasso sotto la pelle.

Escreato giallo o bianco: la ferita potrebbe secernere un liquido giallo o bianco.

Dolore pulsante: il dolore può essere pulsante e continuo.

Fase 4:

Necrosi: la pelle e i tessuti sottostanti muoiono.

Escreato maleodorante: la ferita potrebbe secernere un liquido maleodorante.

Dolore assente: in alcuni casi, il dolore potrebbe essere assente a causa della necrosi dei nervi.

Altri sintomi che possono accompagnare le piaghe da decubito includono:

  • Febbre
  • Brividi
  • Malessere generale
  • Perdita di appetito

È importante ispezionare la pelle regolarmente, almeno due volte al giorno, per identificare i primi segni di piaghe da decubito. Se si notano arrossamenti, screpolature o altri cambiamenti nella pelle, è importante consultare un medico o un infermiere.

La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo sono fondamentali per prevenire complicazioni gravi, come infezioni e osteomielite.

Trattamento delle piaghe da decubito

Il trattamento dipende dalla gravità della lesione.

Esistono diverse strategie terapeutiche volte a:

  • Favorire la guarigione della ferita
  • Prevenire le infezioni
  • Gestire il dolore
  • Ridurre il rischio di recidive

Cure di base:

Prevenzione della pressione: è fondamentale alleviare la pressione sull’area interessata. Questo può richiedere cambiamenti di posizione frequenti, l’utilizzo di cuscini antidecubito e l’adozione di superfici idonee per dormire e sedersi.

Pulizia della ferita: la ferita deve essere pulita delicatamente e regolarmente con soluzione salina sterile per eliminare batteri e detriti.

Medicazioni: a seconda della fase della piaga da decubito, verranno applicate medicazioni specifiche per favorire la guarigione e proteggere la ferita.

Gestione del dolore: possono essere prescritti farmaci antidolorifici per alleviare il disagio.

Trattamenti specifici per la fase:

Fase 1: spesso gestibile con cure domiciliari come la pulizia della ferita e l’applicazione di medicazioni idrocolloidali per mantenere la pelle umida e favorire la guarigione.

Fase 2: potrebbero essere necessarie medicazioni più avanzate per assorbire l’essudato (liquido prodotto dalla ferita) e stimolare la guarigazione.

Fase 3 e 4: potrebbero essere necessari interventi chirurgici per rimuovere il tessuto morto e favorire la chiusura della ferita. In alcuni casi gravi, potrebbe essere necessario un intervento di ricostruzione cutanea con innesti di pelle.

Altri trattamenti aggiuntivi:

Nutrizione: una dieta sana e bilanciata ricca di proteine e vitamine è fondamentale per la guarigione delle ferite.

Gestione dell’incontinenza: mantenere la pelle pulita e asciutta è essenziale per prevenire infezioni.

Terapia fisica: può aiutare a migliorare la circolazione e ridurre il rischio di recidive.

È importante seguire scrupolosamente le indicazioni del medico o dell’infermiere per il trattamento delle piaghe da decubito. La guarigione può richiedere tempo e pazienza, a seconda della gravità della lesione.

Consigli per chi presta assistenza:

Igiene delle mani: Lavarsi accuratamente le mani prima e dopo aver curato la ferita per prevenire infezioni.

Monitoraggio continuo: Controllare regolarmente la ferita per individuare eventuali segni di peggioramento o infezione.

Comunicazione con il medico: Se si notano cambiamenti nella ferita, febbre, dolore o altri sintomi, è importante informare tempestivamente il medico.

 

Complicazioni delle piaghe da decubito

 Se non trattate adeguatamente, possono portare a diverse complicazioni, alcune delle quali possono essere gravi.

Ecco alcune delle principali complicazioni:

Infezione

Le piaghe da decubito sono un terreno fertile per i batteri, che possono causare infezioni locali o sistemiche. L’infezione può manifestarsi con arrossamento, gonfiore, dolore, febbre e pus. In alcuni casi gravi, l’infezione può diffondersi ai tessuti circostanti o al sangue, con conseguenze potenzialmente fatali.

Osteomielite

L’infezione può estendersi alle ossa sottostanti, causando osteomielite. L’osteomielite è un’infezione ossea grave che può richiedere un trattamento prolungato con antibiotici e, in alcuni casi, un intervento chirurgico.

Necrosi

Se la pressione prolungata non viene alleviata, i tessuti interessati possono morire, causando necrosi. La necrosi può coinvolgere la pelle, il grasso sottocutaneo e i muscoli. Il tessuto necrotico deve essere rimosso chirurgicamente per prevenire l’infezione.

Sepsi

La sepsi è una grave risposta infiammatoria dell’organismo a un’infezione. La sepsi può causare febbre alta, brividi, tachicardia, ipotensione e confusione mentale. In alcuni casi, la sepsi può essere fatale.

Altre complicazioni:

  • Dolore cronico: possono causare dolore cronico che può interferire con la qualità del sonno, l’appetito e le attività quotidiane.
  • Depressione e ansia: le persone con piaghe da decubito possono sentirsi depresse e ansiose a causa del dolore, della disabilità e dell’impatto sulla loro vita sociale.
  • Riduzione della mobilità:  possono limitare la mobilità della persona, rendendola dipendente da altri per le attività quotidiane.
  • Aumento dei costi sanitari: possono aumentare i costi sanitari a causa del trattamento prolungato, dei ricoveri ospedalieri e degli interventi chirurgici.

ALTRI ARTICOLI

Enable Notifications OK No thanks
Verified by MonsterInsights