Tumori del cuore

 

DEFINIZIONE

 



 

 

I tumori cardiaci primitivi sono rari con una prevalenza, nella popolazione adulta, variabile tra 0,001% e lo 0,5 % in quella infantile tra 0,01% lo 0,28 % . Anche il cuore, seppur raramente, può essere colpito da tumori, ma la loro malignità è legata più a fattori emodinamici che biologici. Il cuore può venire  metastatizzato da qualsiasi neoplasia maligna capace di diffondere  a distanza ed  i tassi di frequenza  sono molto più elevati di quanto si possa credere, tanto che, quando un paziente affetto da tumore maligno sviluppa una disfunzione cardiaca senza motivo apparente si dovrebbe sospettare una diffusione metastatica al cuore. I tumori maligni che più frequentemente metastatizzano al cuore sono:

• cancro del polmone

• cancro renale

• della faringe

• della mammella 

• del fegato

• linfomi-leucemie.

Per quanto concerne i tumori primitivi del cuore, le forme benigne sono di gran lunga più frequenti (90% ) rispetto a quelle maligne (10%​).

 

MIXOMA

Il mixoma è la più comune  formazione cardiaca primitiva benigna,  rappresenta più della metà di tutti i tumori cardiaci primari. La maggior parte delle neoplasie cardiache primitive ha una localizzazione intracavitaria. La sede più frequentemente interessata è l’ atrio sinistro (85% dei casi), mentre è raro il riscontro di un  un mixoma cardiaco nell’ atrio destro (6%). Colpisce le donne in una  una fascia d’età fra i 40 e i 70 anni. Rari sono i mixomi in età pediatrica. La presentazione clinica è varia.

 

SINTOMI

 

La produzione da parte del tumore di interleuchine rende ragione dei cosiddetti sintomi

 

  • Dispnea
  • Sintomi sistemici
  • Embolie cerebrali
  • Aritmie
  • Scompenso cardiaco
  • Sincope
  • Febbricola
  • Astenia
  • Dolori osteoarticolari
  • Malessere.

 

Infine, esistono i mixomi cosiddetti “silenziosi” che non danno segni  e rappresentano un reperto occasionale autoptico o, oggi molto più frequentemente, ecocardiografico incidentale. L’evoluzione naturale di questi  mixomi  silenziosi può  essere con gli anni la formazione calcifica (litomixoma).

 

DIAGNOSI

 

La diagnosi di mixoma è  facilmente e rapidamente eseguibile con l’ indagine ecocardiografica per valutare la presenza o meno di una massa tumorale . Si può ricorrere alla TAC e alla risonanza magnetica nucleare.

Analisi del sangue . Le analisi del sangue in presenza di un tumore benigno presentano un aumento delle immunoglobuline sieriche, un aumento dei globuli bianchi nel sangue, un numero di piastrine inferiore alla media e un numero  di globuli rossi superiori alla media.

 

TERAPIA

 

La terapia è costituita dalla resezione chirurgica in circolazione extracorporea. L’asportazione della base di impianto del setto interatriale previene la possibilità di recidive.


 

 

FIBROELASTOMA

 

Il papilloma endocardico, detto anche fibroelastoma papillare, rappresenta la seconda causa più frequente di neoplasia cardiaca benigna.

Si presenta come un tumore di piccole dimensioni (1-2 cm) e a differenza del mixoma non è friabile.

A volte si presenta in maniera asintomatica, in alcuni casi con sincope e dolore toracico, presenta una potenzialità emboligena. Se localizzato nelle cuspidi sigmoidi aortiche , può incunearsi negli osti coronarici e provocare morte improvvisa.

 

DIAGNOSI

 

Ecocardiografia con la quale si  può diagnosticare la neoplasia

Radiografia del torace, se la neoplasia è di piccole dimensioni non si riscontra nulla

Esame istologico che mostra ramificazioni non vascolarizzate con accumulo di fibre collagene ricoperte da endotelio.

 

TERAPIA

 

L’asportazione chirurgia è d’obbligo per la potenzialità emboligena.

 



 

 

RABDOMIOMA

 

Il rabdomioma è un tumore cardiaco primitivo benigno, tipico  dell’infanzia. Frequentemente il periodo di crescita è tra il secondo e il terzo mese di gravidanza, poi rallenta.

 

SINTOMI

 

I sintomi e i segni dipendono dalla dimensione e dalla sede di localizzazione :

• tachicardia sopraventricolare parossistica e ventricolare

• morte cardiaca improvvisa

 

 

Diagnostica è la cosiddetta ” spider cell”, ovvero ‘aspetto a ragno del cardiomiocita con accumulo di glicogeno e dispersione a ragnatela dei miofilamenti. Frequente è l’associazione  del rabdomioma con la sclerosi tuberosa.

La diagnosi prenatale di rabdomioma è effettuata quando una o più masse sono presenti all’interno del cuore del feto dopo aver eseguito un’ecografia prenatale. Tra gli altri esami volti alla diagnostica del rabdomioma vi sono:

 

  • ecocardiogramma fetale
  • angiografia, utilizzato in passato, adesso sostituito da un esame più preciso l’ecocardiografia
  • biopsia, l’esame diagnostico più efficace
  • esame approfondito dell’anatomia fetale
  • analisi del sangue

 

 

 

TERAPIA

 

In quasi la metà dei casi regredisce spontaneamente e quindi non è necessario alcun trattamento, per gli altri  si interviene chirurgicamente.

 



 

 

FIBROMA

Il fibroma è una forma tipica di tumore cardiaco benigno che colpisce soprattutto il ventricolo sinistro. Non sono rari i casi in cui questo tipo di tumori si riscontra già in età infantile.

La sintomatologia può essere anche ostruttiva quando le grosse dimensioni obliterano la cavità. Si interviene chirurgicamente per evitare che la massa si ingrandisca dando possibili complicazioni con aritmie, problemi di flusso sanguigno all’interno del quale; tuttavia ci sono casi clinici in cui si preferisce non intervenire a causa della posizione della massa tumorale.


 

 

SARCOMA

 

I tumori cardiaci maligni sono patologie rare, questo tipo di neoplasia colpisce prevalentemente gli adulti ed è stremamente raro nei bambini. La maggior parte dei pazienti con sarcoma cardiaco si presenta con sintomi cardiopolmonari:

 

  • la dispnea è il sintomi di accompagnamento più frequente
  • tamponamento cardiaco
  • fenomeni embolici
  • dolore toracico 
  • polmonite
  • febbre
  • aritmie
  • edema  periferico 
  • morte improvvisa

 

I tumori primitivi cardiaci sono lesioni altamente aggressivi e sempre letali. La sopravvivenza media è di circa 11 mesi sebbene siano descritti casi di sopravvivenza a 4 anni.

 

TERAPIA

 

La terapia chirurgica è palliativa sui sintomi e  migliora la sopravvivenza. Tuttavia è stata riportata un’alta mortalità nei paziento sottoposti ad intervento chirurgico (17,5% nei primi 10 giorni dall’intervento)  per tutte le diverse variabili istologiche. Inoltre nell’asportazione completa del tumore, è frequente un recidiva locale e la comparsa di metastasi è precoce, spesso entro un anno. Il trapianto di cuore  è stato tentato in alcuni giovani pazienti con tumore cardiaco non  resecabile ottenendo risultati soddisfacenti con molte variabili. La chemioterapia e la radioterapia non si  sono dimostrate di alcuna  l’utilità nel trattamento di questi pazienti.

 

 

ARTICOLI CORRISPONDENTI

 

 


 


 

 

(Visited 189 times, 1 visits today)

Related Posts

  • 59
    Gastroenterologia    Appendicite acuta Celiachia: cibi da evitare Celiachia: i vantaggi nel vivere senza glutine Allergie e intolleranze alimentari Carcinoma dell’ampolla di Vater Tumori neuroendocrini del pancreas Carcinoma del pancreas: cause, sintomi, prevenzione Pancreatite acuta Morbo di Crohn Infarto intestinale Rettocolite ulcerosa Colite ulcerosa: terapia Cancro al colon Emoperitoneo Dispepsia:…
    Tags: sintomi, si, è, tumori, salute
  • 57
    Cosa sono i tumori neuroendocrini del pancreas? I tumori neuroendocrini sono un gruppo eterogeneo di lesioni che originano dalla componente endocrina del pancreas. Possono essere sporadici (senza familiarità, più comuni) o associati a sindromi genetiche. Possono inoltre produrre ormoni in quota variabile, e in base alla produzione ormonale vengono distinti…
    Tags: i, tumori, più, in, è, non, si, sintomi, salute
  • 55
    Insufficienza aorticaDefinizione  L'insufficienza è una malattia della valvola aortica, la quale diviene incontinente per anomalie dei lembi valv...
    Tags: è, i, in, si, salute, cuore
  • 55
    Epatite A (HAV)Che cos'è l'epatite A ? L'epatite A è causata da un virus a RNA della famiglia delle picornaviridae. Non ha effetto citopatico diretto e il danno epatico sembrerebbe causato dalla risposta immune, mediata da anticorpi circolanti e dai linfociti T citotossici CD8+ HAV specifici in grado di provocare la lisi…
    Tags: in, è, i, si, non, sintomi, più, può, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Enable Notifications    OK No thanks