SALUTE

Diarrea del viaggiatore: che cos’è e come si cura




Definizione

La diarrea del viaggiatore è una sindrome dissenterica che colpisce i viaggiatori, in particolare in zona tropicale e subtropicale. Le persone che viaggiano in Asia, in Africa o in America Centrale o Meridionale vanno incontro nel 20- 50% dei casi, a diarrea. All’improvviso si manifestano crampi addominali, inappetenza e diarrea acquosa. La diarrea del viaggiatore, di solito, inizia a distanza di 3-5 giorni dall’arrivo, si associa all’ingestione di acqua e cibi contaminati, dura 1-5 giorni ed è, perlopiù, sostenuta da Escherichia coli enterotossigeno  e enteroaggregativa.

 

Qual è la causa della diarrea del viaggiatore?

Gli agenti infettivi sono le cause principali.

La diarrea del viaggiatore può essere causata da batteri, parassiti o virus.

Batteri:

  1. Escherichia coli (colibacillo) enterotossigeno: produce un’ enterotossina irritante la mucosa intestinale con conseguente diarrea; è considerata la causa più frequente della diarrea del viaggiatore; al contrario, la forma entero- invasiva del colibacillo è una causa rara.
  2. Shigella;
  3. Salmonella;
  4. Campylobacter;
  5. Vibrio parahaemolyticus;
  6. Aeromonas;
  7. Plesiomonas;

Protozoi:

  1. Giardia lamblia;
  2. Cryptosporidium parvum;
  3. Cyclospora cayetanensis;
  4. Entamoeba histolytica;

Virus

  1. Il rotavirus svolge probabilmente un ruolo patogenetico nella teoria del viaggiatore;
  2. Calicivirus;
  3. Enterovirus.




Quali sono i sintomi della diarrea del viaggiatore?

La diarrea del viaggiatore insorge spesso durante la prima settimana del viaggio; si manifesta con:

  • 4-5 scariche di feci molli o francamente liquide raramente con sangue;
  • Dolori addominali;
  • Il vomito si ha nel 5% dei casi; la febbre nel 10%;
  • La malattia dura 3-5 giorni; solo nel 10% super una settimana.
  • Sono possibili recidive nel corso del viaggio.

Prevenzione

Evitare il consumo di legumi, carne e frutti di mare crudi, frutta non sbucciata, acqua, ghiaccio, latte non pastorizzato; non comprare alimenti venduti per strada. Possono essere usate acqua bollita o disinfettata, the e caffè caldo, vino, birra, bibite in bottiglia o in scatola. Non è consigliabile la somministrazione preventiva di antibiotici.




Terapia

L’equilibrio idroelettrolitico può essere mantenuto con brodi salati, succhi di frutta e bibite zuccherate senza caffeina. Nei casi gravi, soluzione per reidratazione orale o reidratazazione per via endovenosa.

Terapia  antibiotica (quando è necessaria)  negli adulti i farmaci di prima scelta sono i fluorochinoloni, nei bambini il cotrimoxazolo.

Se la terapia non è risolutiva dopo 2-3 giorni, è consigliato il trattamento antibiotico con un fluorochinolone (ciprofloxacina o norfloxacina).

 

 

Ti potrebbero interessare:

 

 

 

 

 

 

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial
Enable Notifications OK No thanks
Verified by MonsterInsights